Pagamento in contanti, proroga salva detrazioni

Il pagamento in contanti non priverà del diritto di accedere alle detrazioni fiscali, almeno non per il momento. Il ministero dell’Economia e del Lavoro è al lavoro infatti per inserire, in seno al decreto Milleproroghe, una proroga alla possibilità di utilizzo dei contanti al posto di metodi di pagamento tracciabili.

La tracciabilità delle spese, come requisito essenziale per poter accedere alle detrazioni fiscali, potrebbe dunque subire un rinvio.

Pagamento in contanti, si potranno ancora avere le detrazioni

Si tratterebbe dunque di una sorta di moratoria per tutti quei contribuenti che dal 1° gennaio non hanno rispettato il nuovo obbligo di tracciabilità dei pagamenti introdotto dalla manovra di bilancio per vedersi riconosciuti gli sconti fiscali con le dichiarazioni 2021.

Le detrazioni che avrebbero richiesto l’utilizzo dei mezzi tracciabili, erano pari al 19% ed interessavano spese sanitarie (presso liberi professionisti come dentisti, specialisti etc etc), asilo nido e palestre,  ecc.

Dal momento però che l’avvio non è stato indolore, e soprattutto gli anziani si sono sentiti privati di una grossa fetta di queste detrazioni, a causa della scarsa affinità con la moneta elettronica, allora si è scelto di fornire il tempo utile ad abituarsi al nuovo approccio.

Inoltre sembrerebbe in arrivo una sorta di moratoria per tutti quei contribuenti che dal 1° gennaio non hanno rispettato il nuovo obbligo di tracciabilità dei pagamenti così da salvare i pagamenti in contanti e accedere alle detrazioni fiscali. 

CONDIVIDI
Articolo precedenteConti deposito, sono ancora la forma di risparmio più conveniente?
Articolo successivoBonus poste, ma è solo una truffa
Classe 1987. Laureata in scienze biotecnologiche. Da sempre appassionata di letteratura, soprattutto gotica. Collaboro da molti anni con vari blog, dove mi occupo di cinema, tecnologia, spettacoli ed, ovviamente, economia. La mia passione per la scrittura mi ha portato, negli anni, a scrivere anche qualche romanzo e a partecipare ad alcuni concorsi letterari. Quando non scrivo mi occupo di formazione.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO