Il fondo di solidarietà per i mutui

    fondo-solidarieta
    Agevolazioni per i mutui: il fondo di solidarietà

    Molto spesso a stipulare contratti di mutuo sono persone che poi nel corso del rapporto hanno problemi a pagare le singole rate, le ragioni possono essere le più disparate ma prendiamo come esempio il caso di chi a seguito della perdita di lavoro non possa far più fronte ai propri impegni contrattuali.

    Cominciamo con il dire che il quadro normativo è composto dal  D.M. 21 giugno 2010, n. 132 e dalla legge 24 dicembre 2007, n. 244; in questa legge viene stabilito che “per i contratti di mutuo riferiti all’acquisto di unità immobiliari da adibire ad abitazione principale del mutuatario, questi può chiedere la sospensione del pagamento delle rate per non più di due volte e per un periodo massimo complessivo non superiore a diciotto mesi nel corso dell’esecuzione del contratto. In tal caso, la durata del contratto di mutuo e quella delle garanzie per esso prestate è prorogata di un periodo eguale alla durata della sospensione.

    Al termine della sospensione del mutuo, il pagamento delle rate riprende secondo gli importi e con la periodicità originariamente previsti dal contratto, salvo diverso patto eventualmente intervenuto fra le parti per la rinegoziazione delle condizioni del contratto medesimo”.

    Requisiti per accedere al fondo di solidarietà per i mutui (da verificare sul sito del Tesoro)

    I requisiti per accedere al Fondo di solidarietà per i mutui sono: “L’ammissione al beneficio è subordinata all’accadimento di almeno uno dei seguenti eventi, successivi alla data di stipula del contratto di mutuo e tali da determinare la temporanea impossibilità del beneficiario a provvedere al pagamento delle rate alla loro scadenza naturale:

    a) perdita del posto di lavoro dipendente a tempo indeterminato o termine del contratto di lavoro parasubordinato o assimilato, con assenza non inferiore a tre mesi di un nuovo rapporto di lavoro;
    b) morte o insorgenza di condizioni di non autosufficienza di uno dei componenti il nucleo familiare, nel caso in cui questi sia percettore di reddito per almeno il 30 per cento del reddito imponibile complessivo del nucleo familiare domiciliato nell’abitazione del beneficiario;
    c) pagamento di spese mediche o di assistenza domiciliare documentate per un importo non inferiore a 5 mila euro annui;
    d) spese di manutenzione straordinaria, di ristrutturazione o di adeguamento funzionale dell’immobile oggetto del mutuo, sostenute per opere necessarie e indifferibili per un importo, direttamente gravante sul nucleo familiare domiciliato nell’abitazione del beneficiario, non inferiore a 5 mila euro;
    e) aumento della rata del mutuo, regolato a tasso variabile, rispetto alla scadenza immediatamente precedente, direttamente derivante dalle fluttuazioni dei tassi di interesse, di almeno il 25 per cento in caso di rate semestrali e di almeno il 20 per cento in caso di rate mensili”.

    Moduli, istanze ed ulteriori informazioni per la richiesta sul sito del Tesoro dedicato al fondo di solidarietà per i mutui.

    NESSUN COMMENTO

    LASCIA UN COMMENTO