Conto corrente online, come metterlo al sicuro

Uno dei principali motivi per cui gli italiani ancora continuano ad essere diffidenti di fronte alla grande convenienza offerta dal conto corrente online è molto probabilmente legata alla paura di cadere in trappole architettate da abilissimi hacker.

Eppure, i conti online oggigiorno non sono assolutamente differenti dai conti corrente tradizionali. Esistono inoltre alcune precauzioni che l’utente può prendere per dormire sonni tranquilli.

Più sicurezza con la normativa europea

A seguito del recepimento della Direttiva europea sui servizi di pagamento (Psd2), le attività di home banking si sono trasformate. In particolare ormai da settembre del 2019 effettuare azioni dal proprio home banking è diventato un po’ più complesso in termini di password e accessi.

Stesso discorso vale per l’accesso in generale al conto. La vostra banca potrebbe aver eliminato il token (dispositivo di plastica che genera il codice temporaneo di accesso) o richiesto di modificare password e via dicendo. Anche in questo caso non si tratta di una “seccatura” ma di un modo per proteggere ulteriormente il vostro conto.

Conto corrente online, qualche consiglio pratico

Il primo consiglio utile sia che si tratti di conto online che non è quello di monitorare costantemente le transazioni. Solo in questo modo si può essere certi che nessuno stia effettuando transazioni utilizzando il nostro conto.

Qualora l’estratto conto riportasse possibili errori o operazioni di cui non siamo a conoscenza è bene rivolgersi immediatamente alla banca. Per evitare che tali controlli diventino una fissa, la maggior parte delle banche mette a disposizione un servizio di notifica tramite app o tramite sms che ci allerta di ogni operazione effettuata.

Proteggiamo inoltre i dispositivi da cui accediamo ai servizi home banking con adeguati sistemi di sicurezza e avviamo periodicamente una scansione completa. Infine, non dimentichiamo di cambiare frequentemente le password di accesso a tali servizi e evitiamo di riciclare le password per più conti o di usare le stesse che usiamo per accedere alla posta elettronica.

CONDIVIDI
Articolo precedenteBonus poste, ma è solo una truffa
Articolo successivoTelefisco, alcuni chiarimenti
Classe 1987. Laureata in scienze biotecnologiche. Da sempre appassionata di letteratura, soprattutto gotica. Collaboro da molti anni con vari blog, dove mi occupo di cinema, tecnologia, spettacoli ed, ovviamente, economia. La mia passione per la scrittura mi ha portato, negli anni, a scrivere anche qualche romanzo e a partecipare ad alcuni concorsi letterari. Quando non scrivo mi occupo di formazione.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO