Bonus lezioni private, quando sarà possibile detrarle

Al vaglio la possibilità di erogare un bonus lezioni private per consentire alle famiglie di ottenere la detrazione di parte delle spese sostenute per l’erogazione di lezioni di supporto alla formazione dei propri figli.

Il movimento 5 stelle ha infatti presentato un emendamento alla legge di Bilancio 2020. Si tratterebbe di uno sconto fiscale da riconoscere alla famiglie per le spese sostenute per lezioni private dei propri figli. Un nuovo bonus dunque che verrebbe erogato sotto forma di detrazione fiscale, ma solo a determinate condizioni e a specifiche fasce di reddito.

Bonus lezioni private, solo in casi specifici

Secondo i primi rumors il bonus dovrebbe essere erogato sottoforma di detrazione fiscale in misura pari al 19% della spesa. Requisito indispensabile per potervi accedere però l’appartenenza ad una ben specifica classe reddituale. Al momento si suppone che il requisito Isee richiesto sarà inferiore o uguale ai 50 mila euro.

Le spese riconosciute sono quelle relative alle ripetizioni scolastiche sostenute per i figli minori. Saranno dunque escluse le ripetizioni degli studenti universitari, o comunque quelle erogate per studenti del quinto anno di liceo, che hanno già compiuto la maggiore età.

Al momento non sono previsti tetti massimi di spesa, l’unico paletto fissato è quello relativo alla tracciabilità dei pagamenti. Per evitare di avvantaggiare chi fornisce lezioni private senza dichiarare niente al Fisco e, quindi, porre un freno al lavoro in nero in questo settore, lo sconto fiscale sarà riconosciuto solo per gli importi tracciabili.

CONDIVIDI
Articolo precedenteBlack friday, caccia ai voli low cost
Articolo successivoTasse auto, situazione insostenibile
Classe 1987. Laureata in scienze biotecnologiche. Da sempre appassionata di letteratura, soprattutto gotica. Collaboro da molti anni con vari blog, dove mi occupo di cinema, tecnologia, spettacoli ed, ovviamente, economia. La mia passione per la scrittura mi ha portato, negli anni, a scrivere anche qualche romanzo e a partecipare ad alcuni concorsi letterari. Quando non scrivo mi occupo di formazione.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO