Tutor dell’energia, a scuola di risparmio

Arrivano i tutor dell’energia, una nuova figura deputata ad insegnare il risparmio sulle bollette di energia elettrica e gas. Si tratta di nuove figure professionali formate grazie ai fondi del progetto europeo Assist. Il loro compito sarà essenzialmente quello di far conoscere agli italiani i bonus sociali, finora sottoutilizzati.

Si tratta di figure che avranno il compito di insegnare il risparmio, fornendo dei piccoli accorgimenti agli utenti e facendo conoscere a tutti i bonus sociali destinati a coloro che dispongono di redditi bassi.

Tutor dell’energia, insegneranno il risparmio

Per il momento i tutor dell’energia sono circa un centinaio. Essi appartengono ad associazioni di consumatori, scuole, Comuni, enti di assistenza sociale e piccole aziende. Sono però previsti altri in arrivo nei prossimi mesi.

L’obiettivo principale è quello di contrastare la povertà energetica, un fenomeno che in Italia interessa oltre 9 milioni di persone e si traduce in due, gravi, difficoltà: pagare le bollette di luce e gas e riscaldare in modo adeguato la propria abitazione.

I loro ruoli saranno quelli di fornire indicazioni utili agli utenti, consigliando i migliori elettrodomestici per la propria abitazione, valutando i momenti migliori in cui aprire finestre e serrande per arieggiare la casa, a seconda della sua ubicazione, ecc.

Ma il punto fondamentale del loro lavoro riguarderà l’accesso al bonus energia, un’agevolazione prevista dall’autorità di settore Arera ma che pochi italiani, tra gli aventi diritto, conoscono e utilizzano.

CONDIVIDI
Articolo precedenteBollette luce e gas, novità da luglio
Articolo successivoBuoni fruttiferi o libretti, miglior proposta di risparmio per i propri figli
Classe 1987. Laureata in scienze biotecnologiche. Da sempre appassionata di letteratura, soprattutto gotica. Collaboro da molti anni con vari blog, dove mi occupo di cinema, tecnologia, spettacoli ed, ovviamente, economia. La mia passione per la scrittura mi ha portato, negli anni, a scrivere anche qualche romanzo e a partecipare ad alcuni concorsi letterari. Quando non scrivo mi occupo di formazione.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO