Taglio iva bollette, si risparmia fino a 110 euro annue

Il taglio iva sulle bollette delle utenze domestiche potrebbe portare un risparmio non indifferente. Al momento si parla di abbattere l’iva sulle utenze principali, in particolare sull’energia, e su altri beni primari come prodotti alimentari di largo consumo. Se tale manovra divenisse effettiva, si stima un risparmio per le famiglie italiane pari a 110 euro annui.

Tali dati derivano da alcuni studi condotti dal Codacons,  che ha elaborato gli effetti di una riduzione dell’Iva sulle bollette di luce e gas e su pane, pasta e latte. Lo studio fa seguito ad alcuni rumors diffusi nei giorni scorsi dai media che parlerebbero proprio di riduzioni iva al vaglio dell’esecutivo.

Taglio iva bollette, proposta da non sottovalutare

In particolare si sta pensando di tagliare l’Iva dall’attuale 10 al 5%. Secondo le stime di Codacons il taglio dell’imposta sulle bollette dell’energia produrrebbe un risparmio medio di 76,4 euro annui a famiglia (-25,4 euro la luce, -51 euro il gas). Per quanto concerne i beni di prima necessità, quali pane e pasta, si pensa invece di portare l’attuale 4% all’1%. Sommando i risparmi derivanti da queste voci dunque si arriverebbe ad un risparmio medio di 110 euro. Per i beni di prima necessità il risparmio si attesterebbe sui 26,3 euro annui a nucleo familiare, mentre sulla spesa per il latte ogni famiglia risparmierebbe 7,2 euro all’anno.

CONDIVIDI
Articolo precedenteEliminazione contante, come contrastare i pagamenti in nero
Articolo successivoMutuo casa, può essere collegato ad un conto di altra banca
Classe 1987. Laureata in scienze biotecnologiche. Da sempre appassionata di letteratura, soprattutto gotica. Collaboro da molti anni con vari blog, dove mi occupo di cinema, tecnologia, spettacoli ed, ovviamente, economia. La mia passione per la scrittura mi ha portato, negli anni, a scrivere anche qualche romanzo e a partecipare ad alcuni concorsi letterari. Quando non scrivo mi occupo di formazione.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO