Saldi 2018, sconti limitati ma italiani pronti a spendere

Fondi sbloccati in 48 ore Image Banner 480 x 75

I saldi 2018, partiti ormai dallo scorso 5 gennaio in tutte le regioni italiane, sono destinati al successo. Secondo recenti indagini di mercato infatti, sembrerebbe che quest’anno gli italiani abbiano le tasche abbastanza piene e si dicano disponti a spendere qualcosa in più per rinnovare i propri guardaroba.

Secondo i dati diffusi dall’ufficio studi di Confcommercio, i saldi invernali quest’anno interesseranno ben 5,6 milioni di famiglie e muoveranno 5,2 miliardi di euro con un budget di spesa pari a 143 euro a persona.

Saldi 2018, avvio all’insegna dell’ottimismo

Banner Maggio 2017 300 x 250

Dopo oltre un decennio sembra che i saldi 2018 potrebbero finalmente raggiungere il tanto atteso picco di vendite. Per la prima volta infatti partono con ottimismo. Analizzando i dati raccolti alla vigilia della loro partenza, si evince che molti italiani quest’anno si dicono disposti ad acquistare almeno un capo. Cosa è cambiato? Quest’anno  quasi sei italiani su dieci (59%) pensano che la situazione economica del paese sarà stabile o migliorerà nel 2018, una percentuale superiore dell’8% rispetto allo scorso anno.

Questo atteggiamento positivo, che suipera perfino la media europea, si è già sentito nelle spese per le feste, che tra Natale e Capodanno, hanno raggiunto i 12,9 miliardi di euro tra cibo, viaggi, divertimenti e regali.

Da evidenziare però che quest’anno abbigliamento e calzature registreranno un abbassamento dei prezzi del 21,3%, in leggera diminuzione rispetto allo scorso anno, quando lo sconto fu del 21,7%.

CONDIVIDI
Articolo precedenteGenitori, arrivano bonus e sussidi
Articolo successivoSacchetti biodegradabili, costeranno 15 euro all’anno

Classe 1987. Laureata in scienze biotecnologiche. Da sempre appassionata di letteratura, soprattutto gotica. Collaboro da molti anni con vari blog, dove mi occupo di cinema, tecnologia, spettacoli ed, ovviamente, economia. La mia passione per la scrittura mi ha portato,
negli anni, a scrivere anche qualche romanzo e a partecipare ad alcuni concorsi letterari. Quando non scrivo mi occupo di formazione.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO