Niente riscaldamenti per 9 milioni di italiani, bollette roventi

Le bollette roventi costringono ben 9 milioni di italiani a fare a meno dei riscaldamenti in casa. Le famiglie che hanno difficoltà ad accollarsi i costi delle proprie utenze telefoniche sono in crescita.

La povertà energetica, questo il nome con cui i media hanno battezzato il nuovo fenomeno, può però essere prevenuta con alcuni semplici accorgimenti.

Secondo i dati evidenziati in un recente rapporto istat, relativi all’anno 2016, la povertà energetica coinvolge il 16,1% delle famiglie italiane. Si tratta di oltre 9 milioni di persone se si considera la media di 2,3 persone per nucleo familiare. Almeno sette famiglie su dieci dichiarano infatti di non riuscire a riscaldare casa in maniera adeguata.

Povertà energetica, niente riscaldamenti

Il fenomeno è destinato ad aumentare a causa del previsto incremento delle tariffe energetiche preannunciato in vista dell’imminente stagione invernale.

E’ bene quindi ricordare che le famiglie più povere possono usufruire del Bonus Luce e del Bonus gas. Un beneficio riconosciuto in condizioni di particolari carenze economiche.

Per quanto riguarda l’energia elettrica  l’Italia è al terzo posto con il prezzo più alto dietro soltanto a Danimarca e Germania. Per il gas occupiamo sempre il terzo scalino del podio, ma alle spalle di Spagna e Portogallo.

Ma come dicevamo, i consumatori con un Isee inferiore a 8.107,5 euro possono risparmiare sulle bollette di luce e gas tramite uno sconto annuo di circa il 30%.

CONDIVIDI
Articolo precedenteMutui verdi, test nel Regno Unito
Articolo successivoChiusura domenicale, occorre disciplinarla
Classe 1987. Laureata in scienze biotecnologiche. Da sempre appassionata di letteratura, soprattutto gotica. Collaboro da molti anni con vari blog, dove mi occupo di cinema, tecnologia, spettacoli ed, ovviamente, economia. La mia passione per la scrittura mi ha portato, negli anni, a scrivere anche qualche romanzo e a partecipare ad alcuni concorsi letterari. Quando non scrivo mi occupo di formazione.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO