Mutui tasso fisso, minimo storico

Mutui tasso fisso al minimo storico, questo è il momento migliore per comprare casa. Grazie anche alla politica epsansiva della BCE i mutui a tasso fisso continuano a scendere. Il nuovo orientamento preso dalla Bce ha infatti influito notevolmente sulla contrazione degli indici IRS che sono alla base della determinazione dei tassi di interesse applicati ai mutui a tasso fisso.

Tali indici hanno infatti subito una contrazione di ben 40 punti negli ultimi due mesi, facendo di fatto crollare i tassi dei mutui.

Mutui tasso fisso, la discesa continua

La nuova strada intrapresa da Bce risulta essere più favorevole per il tasso fisso rispetto a quello variabile. Infatti, le migliori offerte di mutuo a tasso fisso ventennale costano circa 0,20% in più rispetto ai corrispondenti mutui a tasso variabile. Un differenziale così ridotto sta inducendo i nuovi mutuatari che necessitano di mutui di durata superiore ai 15 anni a orientarsi verso il tasso fisso.

Chiaramente queste nuove opportunità stanno spingendo verso una nuova ondata di surroghe, dal momento che chi ha già un mutuo a tasso fisso può sfruttare l’andamento del mercato attuale per accaparrarsi offerte ancora più allettanti. Sono tanti gli utenti che stanno surrogando il vecchio mutuo a tasso variabile, per congelarlo con il tasso fisso attuale.

CONDIVIDI
Articolo precedentePensione estera, tassazione agevolata
Articolo successivoRottamazione, tasse su giochi e fumo
Classe 1987. Laureata in scienze biotecnologiche. Da sempre appassionata di letteratura, soprattutto gotica. Collaboro da molti anni con vari blog, dove mi occupo di cinema, tecnologia, spettacoli ed, ovviamente, economia. La mia passione per la scrittura mi ha portato, negli anni, a scrivere anche qualche romanzo e a partecipare ad alcuni concorsi letterari. Quando non scrivo mi occupo di formazione.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO