Monetine, Centy le converte in denaro virtuale

Fondi sbloccati in 48 ore Image Banner 480 x 75

Centy decide di ridare vita alle fastidiose monetine da un centesimo consentendo di convertirle in denaro virtuale. Si tratta di una innovativa start up ideata da Davide Caiafa, insieme a Lorenzo Vidoz.

I centesimi sono spesso considerati inutili per via del loro esiguo valore e a causa delle difficoltà riscontrate nel loro conteggio. E’ con tale scopo che nasce Centy, ovvero ridare valore a tale denaro convertendolo in denaro virtuale e contando facilmente a quanto ammonta il nostro capitale grazie ad un contamonete intelligente.

Centy, rimettere in circolo le monete bloccate

Banner Maggio 2017 300 x 250

L’idea di sviluppare questa innovativa app è nata dalla constatazione di un semplice dato di fatto. A oggi ci sono circa 180 milioni di euro bloccati nelle case degli italiani che non girano nell’economia. Dal 2002 sono state coniate monete da 1 e 2 centesimi per un totale di 46 miliardi di pezzi che tutti insieme pesano come una nave da crociera.

Se da un lato ci sono però persone che considerano le monete un disagio, dall’altro ci sono i rivenditori che invece devono pagare per farsi rifornire le casse.

Si tratta di un contamonete posizionato in un luogo dove c’è bisogno di monete, come un supermercato. Il cliente deve solo aprire l’app in sua prossimità perchè il dispositivo lo riconosca e apra in automatico uno sportellino dove inserire le monetine. Lo sportello si chiude e il cliente dallo smartphone avvia il conteggio. Tutta l’operazione dura qualche secondo. Una volta che la macchina ha calcolato l’importo, chiede dove accreditarlo scegliendo tra bancoposta, conto corrente, ricarica telefonica, ecc.

CONDIVIDI
Articolo precedenteRyanair, Amazon, Lidl: le truffe della rete
Articolo successivoCanone Rai, tra evasione e pagamenti non dovuti
Classe 1987. Laureata in scienze biotecnologiche. Da sempre appassionata di letteratura, soprattutto gotica. Collaboro da molti anni con vari blog, dove mi occupo di cinema, tecnologia, spettacoli ed, ovviamente, economia. La mia passione per la scrittura mi ha portato, negli anni, a scrivere anche qualche romanzo e a partecipare ad alcuni concorsi letterari. Quando non scrivo mi occupo di formazione.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO