Maxi-congluagli bollette, stop anche per il gas

L’incubo dei maxi-conguagli per le utenze è destinato a divenire solo un brutto ricordo. Dopo lo stop dato alle bollette per la fornitura elettrica, adesso arriva il blocco anche per quella del gas. Dal 1 gennaio infatti la prescrizione per le bollette del gas sarà ridotta da 5 anni a soli 2, così come già avvenuto a marzo per le bollette della luce.

Se il fornitore non fattura regolarmente i consumi, l’utente sarà obbligato a pagare solo gli importi relativi agli ultimi due anni. Il fornitore del servizio non potrà dunque mandare maxi-conguagli, come accade tuttora, relativi a periodi più ampi.

Maxi-conguagli bollette, dopo la luce anche il gas

Dallo scorso 1 marzo, grazie alla legge del bilancio 2018, la prescrizione dei conguagli era stata introdotta per la fornitura elettrica. Dal prossimo 1 gennaio 2019 entrerà in vigore anche per le forniture del gas. Non potranno essere fatturati importi riferiti ad oltre 2 anni fa, in quanto tali importi cadranno in prescrizione.

A marzo è inoltre prevista l’introduzione della cadenza biennale anche per quanto concerne la fornitura idrica.

Inoltre i fornitori saranno obbligati ad emettere una fattura distinta riportante gli importi riferiti a periodi antecedenti ai 2 anni previsti. Inoltre i clienti dovranno essere informati della possibilità di non pagare tali importi.

CONDIVIDI
Articolo precedenteRisparmiare facendo la spesa, ecco i supermercati che lo consentono
Articolo successivoCongedo straordinario, modifiche attese per il prossimo anno
Classe 1987. Laureata in scienze biotecnologiche. Da sempre appassionata di letteratura, soprattutto gotica. Collaboro da molti anni con vari blog, dove mi occupo di cinema, tecnologia, spettacoli ed, ovviamente, economia. La mia passione per la scrittura mi ha portato, negli anni, a scrivere anche qualche romanzo e a partecipare ad alcuni concorsi letterari. Quando non scrivo mi occupo di formazione.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO