Life-Food, nuovo piano anti spreco

Si chiama “Life-Food, waste, standup” il nuovo progetto contro lo spreco alimentare promosso da Federalimentare, Federdistribuzione, Unione nazionale consumatori e Banco alimentare.

I principali soggetti della filiera agroalimentare hanno deciso di avviare una proficua collaborazione con il fine di sensibilizzare i consumatori e ridurre, per quanto possibile, gli sprechi alimentari che negli ultimi tempi sono divenuti una vera e propria piaga per il nostro Paese.

Progetto anti spreco

Il progetto è stato presentato nel corso della scorsa settimana dal ministero delle Politiche agricole e punta a coinvolgere industrie, distribuzione e consumatori per riuscire a raggiungere il primato in Europa tra i Paesi attivi nella lotta agli sprechi alimentari.

Il progetto mobiliterà risorse pari a 1,5 milioni di euro, co-finanziato dalla Commissione Europea per il 60%, e si prefigge di abbattere gli sprechi e recuperare le eccedenze entro un periodo limite pari a tre anni.

Si tratta di un progetto che accogli quanto contenuto  nella legge antispreco entrata in vigore a settembre di quest’anno.

La deputata PD Maria Chiara Gadda si è espressa favorevolmente nei confronti del progetto, affermando che “La legge, basata sui principi di cura verso i meno abbienti e spinta gentile a non sprecare,  è solo un tassello. Oggi entriamo nella fase successiva, a monte il cittadino deve saper fare le sue scelte, è un discorso culturale. Questo progetto è pertinente con il lavoro fatto in Parlamento”.

CONDIVIDI
Articolo precedenteAffitti, le due facce dell’Italia
Articolo successivoLavoro, sgravio totale per il meridione
Classe 1987. Laureata in scienze biotecnologiche. Da sempre appassionata di letteratura, soprattutto gotica. Collaboro da molti anni con vari blog, dove mi occupo di cinema, tecnologia, spettacoli ed, ovviamente, economia. La mia passione per la scrittura mi ha portato, negli anni, a scrivere anche qualche romanzo e a partecipare ad alcuni concorsi letterari. Quando non scrivo mi occupo di formazione.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO