Carburanti, corsa al ribasso

rincari carburanti

I principali distributori di carburanti hanno avviato la corsa al ribasso. Già da qualche settimana infatti i distributori leader quali Eni e Q8 avevano iniziato ad annunciare riduzioni, sebbene non molto rilevanti. Continuano le limature dei prezzi, per valori pari a 1 centesimo, che, sommati a quelle praticate due settimane fa, fanno ben sperare gli automobilisti.

Eni, Ip e Tamoil all’inizio della scorsa settimana hanno applicato un’ulteriore riduzione pari a 1 centesimo a benzina e diesel.

Carburanti, la corsa al ribasso continua

I dati si basano sulle rilevazioni effettuate per conto di Quotidiano Energia alle 8 dello scorso lunedì, comunicati dai gestori all’Osservaprezzi carburanti del Mise. Il prezzo medio nazionale praticato in modalità self della benzina è pari a 1,593 euro/litro. Le variazioni in base al marchio sono comunque contenute tra gli 1,591 e gli 1,619 euro/litro (no-logo a 1,581). Il prezzo medio praticato del diesel è pari a 1,519 euro/litro, con variazioni in base al brand della pompa comprese tra 1,516 e 1,542 euro/litro (no-logo a 1,506).

Se si opta per la benzina in modalità servito il prezzo medio sale invece a 1,726 euro/litro. Anche in questo caso si possono avere notevoli differenze in base al marchio scelto, che vanno da 1,704 a 1,822 euro/litro. Per il diesel il servito costa mediamente 1,652 euro/litro, con picchi massimi di 1,735 euro a litro.

CONDIVIDI
Articolo precedenteBollette terremotati, proroga fino al 2020
Articolo successivoQuota 100, nessun rinvio e partenza nel 2019
Classe 1987. Laureata in scienze biotecnologiche. Da sempre appassionata di letteratura, soprattutto gotica. Collaboro da molti anni con vari blog, dove mi occupo di cinema, tecnologia, spettacoli ed, ovviamente, economia. La mia passione per la scrittura mi ha portato, negli anni, a scrivere anche qualche romanzo e a partecipare ad alcuni concorsi letterari. Quando non scrivo mi occupo di formazione.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO