Buoni fruttiferi o libretti, miglior proposta di risparmio per i propri figli

Qual è la miglior proposta di risparmio per i propri figli? Sono in tanti i genitori che spesso si trovano a dover far chiarezza e rispondere a questo dilemma. Poste italiane ad esempio offre tante proposte di risparmio dedicate ai minori, ma quale è quella migliore che consente effettivamente di racimolare un gruzzoletto ai propri figli?

Sebbene il risparmiatore voglia di norma ottenere un prodotto sicuro che non metta a rischio il proprio capitale, di norma vuole anche indirizzarsi verso  una forma di investimento che possa restituire un buon rendimento.

Miglior proposta di risparmio per i propri figli

Le forme di investimento consigliabili per i minori potrebbero essere

  • Buoni fruttiferi postali
  • Libretto al risparmio
  • S&P 500.

Per i buoni fruttiferi postali dedicati ai minori il tasso di interesse varia di anno in anno. Si parte dall’1% per 1 anno e 6 mesi fino al 3% del 18° anno. Se si svincola prima che siano trascorsi almeno 18 mesi non si ha diritto alla quota interessi.

I libretti postali dedicati ai minori si differenziano in 3 tipologie:

  • Io Cresco” rivolto ai bambini tra i zero e i dodici anni per avvicinare i più piccoli al risparmio;
  • “Io Conosco” rivolto ai piccoli che hanno tra i dodici e i quattordici anni, in modo che capiscono come si versano e prelevano delle piccole cifre;
  • “Io capisco” rivolto ai ragazzi tra i 14 e i 18 anni. Con questo strumento possono prelevare delle piccole somme, adeguate alla propria età. Questo è un valido strumento per imparare a gestire il proprio risparmio.

Infine S&P 500 è una raccolta di azioni delle 500 principali aziende americane quotate in borsa. Se si investe oggi mille dollari tra 35 anni si potrebbero ottenere circa 47 mila dollari. L’unico vincolo è che il denaro deve essere bloccato per almeno 10 anni.

CONDIVIDI
Articolo precedenteTutor dell’energia, a scuola di risparmio
Articolo successivoTaglio pensioni, ammonterà al 40%
Classe 1987. Laureata in scienze biotecnologiche. Da sempre appassionata di letteratura, soprattutto gotica. Collaboro da molti anni con vari blog, dove mi occupo di cinema, tecnologia, spettacoli ed, ovviamente, economia. La mia passione per la scrittura mi ha portato, negli anni, a scrivere anche qualche romanzo e a partecipare ad alcuni concorsi letterari. Quando non scrivo mi occupo di formazione.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO