Tassi prestiti, stabili o in ulteriore calo fino al 2020

prestiti-offerte

I tassi prestiti rimarranno pressoché stabili, o caleranno ulteriormente, almeno fino a metà 2020. E’ quanto sostiene Mario Draghi, presidente della Bce.

Nel corso di una recente conferenza stampa, cui ha preso parte alla fine della scorsa settimana, Draghi ha affermato “Ci attendiamo che i tassi di interesse restino su livelli pari a quelli attuali o inferiori almeno fino a tutta la prima metà del 2020 e in ogni caso finché sarà necessario per assicurare che l’inflazione continui stabilmente a convergere su livelli inferiori ma prossimi al 2% nel medio termine».

Tassi prestiti, è ancora il momento propizio

Secondo Draghi mantenere i tassi prestiti così bassi permette di raggiungere i tanto attesi tassi di inflazione a valori prossimi al 2%.

Intanto è allo studio la messa a punto di una seconda edizione del Quantitative Easing. Non sarebbe però ancora stata definita l’entità della manovra. Intanto il futuro dipinto però da presidente Bce, non appare affatto roseo.

Secondo Draghi infatti “La prolungata presenza di incertezze connesse a fattori geopolitici, alla crescente minaccia del protezionismo e alle vulnerabilità nei mercati emergenti lascia il segno sul clima di fiducia”.

Gli investitori sembrano essere ancora titubanti e continuano ad andarci con i piedi di piombo, onde evitare brutte sorprese.

CONDIVIDI
Articolo precedenteLavoro, BNL assume 500 giovani in tutta Italia
Articolo successivoImu e Tasi, quasi 22 miliardi di gettito
Classe 1987. Laureata in scienze biotecnologiche. Da sempre appassionata di letteratura, soprattutto gotica. Collaboro da molti anni con vari blog, dove mi occupo di cinema, tecnologia, spettacoli ed, ovviamente, economia. La mia passione per la scrittura mi ha portato, negli anni, a scrivere anche qualche romanzo e a partecipare ad alcuni concorsi letterari. Quando non scrivo mi occupo di formazione.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO