Prestito BCE, banche italiane in coda

Fondi sbloccati in 48 ore Image Banner 480 x 75

Arriva il prestito BCE e le banche italiane sono tra le prime a mettersi in coda per riuscire ad ottenere l’interessante incentivo. La banca europea ha infatti messo a disposizione ben 233,5 miliardi di euro come liquidità da suddividere tra tutte le banche dell’eurozona che si trovano in situazione di particolare difficoltà.

Lo scopo del prestito BCE è quello di  incentivare le banche a impiegare i fondi nell’economia reale. Le banche italiane si sono dimostrate le più attive da questo punto di vista  e sono riusciti ad accaparrarsi ben 62.8 miliardi di euro della liquidità totale messa a disposizione.

Prestito BCE, in quanti lo hanno richiesto

Le banche che hanno richiesto ed ottenuto il prestito BCE sono state ben 474, superando ogni aspettativa. La grande adesione non è però totalmente inaspettata dal momento che i tassi applicati sono a dir poco vantaggiosi. Il piano prevede infatti la distribuzione di fondi a 4 anni a tasso zero, tasso che può diventare addirittura negativo se il volume del credito concesso a imprese e famiglie supererà certi parametri.

La banca centrale europea potrebbe infatti dover corrispondere fino a 40 punti base alle banche che riusciranno a rispettare tale requisito.

Per il futuro alcuni rumors indicano che i tassi potrebbero però diventare a dir poco salati ed ottenere liquidità potrebbe risultare piuttosto svantaggioso.

CONDIVIDI
Articolo precedenteWind e 3 diffidate, Music by 3 e Veon violano le regole
Articolo successivoQuattordicesima pensioni, a luglio anche a pensioni due volte il minimo
Classe 1987. Laureata in scienze biotecnologiche. Da sempre appassionata di letteratura, soprattutto gotica. Collaboro da molti anni con vari blog, dove mi occupo di cinema, tecnologia, spettacoli ed, ovviamente, economia. La mia passione per la scrittura mi ha portato, negli anni, a scrivere anche qualche romanzo e a partecipare ad alcuni concorsi letterari. Quando non scrivo mi occupo di formazione.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO