Prestiti, come scegliere

Con l’aumento della fiducia stimata dall’Istat, sicuramente negli italiani aumenterà anche la propensione al rischio e ad indebitarsi per fare acquisti più o meno grossi per i quali non si dispone dell’intero capitale nell’immediato.

Di pari passo le banche aumentano l’offerta di prestiti, pertanto per coloro che si apprestano ad accendere un nuovo prestito può risultare piuttosto difficile riuscire ad orientarsi nella miriade di offerte proposte dalle varie filiali.

Prestiti, cosa considerare?

Il passo più importante nel compiere la scelta più idonea sta nel valutare attentamente il Taeg, ovvero il tasso annuo effettivo globale che misura il reale costo del debito e tiene conto sia degli interessi applicati sull’importo richiesto che di tutte le spese accessorie ricomprese nel servizio degli intermediari, molto spesso non chiaramente esplicitate dalla banca.

Altro aspetto fondamentale è sicuramente l’ammontare della rata, che non dovrebbe mai superare il 30% del reddito percepito poichè in caso contrario si potrebbe facilmente andare in insolvenza.

E’ bene ricordare che la copertura assicurativa diventa obbligatoria solo in caso di prestito con cessione del quinto, ma la banca potrebbe richiedere l’accensione di una polizza anche in caso di richieste di somme di una certa entità o nel caso in cui il richiedente sia un potenziale soggetto a rischio. E’ bene quindi tener presente che la copertura assicurativa fa incrementare del 5% la spesa del prestito.

E’ bene infine ricordare che l’estinzione anticipata del debito comporta anche una penale di indennizzo che non è dovuta esclusivamente nel caso in cui il debito residuo non supera le 10 mila euro, ma la cui entità è tanto maggiore quanto maggiore è l’anticipo in termini temporali.

Seguendo tutti i passi sopra indicati l’utente potrebbe riuscire ad ottenere un risparmio non indifferente.

Fondi sbloccati in 48 ore Image Banner 480 x 75

CONDIVIDI
Articolo precedenteBonus mobili, come cambia
Articolo successivoScuola, niente maxi piano assunzioni
Classe 1987. Laureata in scienze biotecnologiche. Da sempre appassionata di letteratura, soprattutto gotica. Collaboro da molti anni con vari blog, dove mi occupo di cinema, tecnologia, spettacoli ed, ovviamente, economia. La mia passione per la scrittura mi ha portato, negli anni, a scrivere anche qualche romanzo e a partecipare ad alcuni concorsi letterari. Quando non scrivo mi occupo di formazione.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO