Visite fiscali, orari e sanzioni

visita fiscale

Coloro che non rispettano le visite fiscali, non facendosi trovare al domicilio inserito nella domanda di malattia, potrebbero subire pesanti sanzioni.

Anche per il 2019 non vengono infatti segnalate particolari novità inerenti il metodo di svolgimento della visita fiscale e l’eventuale orario da rispettare a seconda del settore lavorativo.

Visiste fiscali, orari pubblici e privati

Per i dipendenti pubblici gli orari restano fissati alle fasce 9-13 e 15-18, mentre per i dipendenti privati 10-12 e 17-19.

In tali orari il lavoratore assente dal lavoro per malattia può subire l’ispezione fiscale al domicilio indicato, pertanto deve obbligatoriamente trovarsi in casa.

La visita fiscale può scattare già dal primo giorno di assenza dal lavoro e può avvenire anche più volte nella stessa giornata. Non sono esclusi giorni festivi e weekend, durante i quali il lavoratore dovrà rispettare gli stessi orari di reperibilità indicati in precedenza.

In caso di mancata reperibilità il lavoratore può subire importanti sanzioni. Potrà ad esempio ottenere la decurtazione intera o in misura del 50% dello stipendio. Si potrà perfino arrivare al licenziamento per giusta causa, soprattutto nel caso in cui il lavoratore abbia svolto altri lavori nel periodo di malattia o effettuato attività per rallentare il processo di guarigione.

Salvo chiaramente che il lavore non riesca a giustificare la propria assenza entro 15 giorni dall’avvenuta visita.

CONDIVIDI
Articolo precedenteDisabili, aumenti di 150 euro
Articolo successivoAssegni familiari 2019, ecco le novità
Classe 1987. Laureata in scienze biotecnologiche. Da sempre appassionata di letteratura, soprattutto gotica. Collaboro da molti anni con vari blog, dove mi occupo di cinema, tecnologia, spettacoli ed, ovviamente, economia. La mia passione per la scrittura mi ha portato, negli anni, a scrivere anche qualche romanzo e a partecipare ad alcuni concorsi letterari. Quando non scrivo mi occupo di formazione.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO