Visita fiscale, obblighi fuori orario reperibilità

visita fiscale

Durante l’orario di reperibilità il lavoratore deve fare di tutto affinché il medico incaricato di effettuare la visita fiscale lo trovi al proprio domicilio. Gli orari di reperibilità ricordiamo che sono differenti a seconda che si tratti di dipendenti del settore pubblico o privato. Per i privati la fascia oraria di reperibilità va dalle 10 alle 12 del mattino e dalle 17 alle 19 del pomeriggio. I dipendenti del settore pubblico sono obbligati a rendersi reperibili nella fascia 9-13 e 15-18. Ma fuori dagli orari di reperibilità è consentito uscire o partecipare a riunioni di lavoro? E’ un dubbio che attanaglia molti lavoratori.

Visita fiscali, quali obblighi oltre l’orario di reperibilità

Fuori dall’orario di reperibilità il lavoratore, sia esso dipendente pubblico o privato, è libero di lasciare il proprio domicilio. Qualora sia convocato per una riunione di lavoro ha dunque diritto a parteciparvi. L’unico obbligo cui è tenuto è quello di non agire in modo tale da pregiudicare ulteriormente le condizioni di salute. Insomma il lavoratore deve fare il possibile per non aggravare la propria situazione e tornare al lavoro quanto prima. Tutto dipende dunque dalla patologia per cui si è lontani dal lavoro. Sicuramente uscire al freddo in caso di influenza potrebbe infatti causare un prolungamento del periodo di malattia.

CONDIVIDI
Articolo precedenteParadiso fiscale, per gli italiani è l’Austria
Articolo successivoRisparmiare facendo la spesa, ecco i supermercati che lo consentono
Classe 1987. Laureata in scienze biotecnologiche. Da sempre appassionata di letteratura, soprattutto gotica. Collaboro da molti anni con vari blog, dove mi occupo di cinema, tecnologia, spettacoli ed, ovviamente, economia. La mia passione per la scrittura mi ha portato, negli anni, a scrivere anche qualche romanzo e a partecipare ad alcuni concorsi letterari. Quando non scrivo mi occupo di formazione.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO