Riscatto laurea, si punta ad ampliare la platea

Il governo punta ad ampliare la platea dei beneficiari del riscatto laurea con sconto. Al momento si sta lavorando ad un modo per cercare di migliorare il meccanismo di riscatto degli anni di laurea, in vista della prossima manovra.

In particolare il nuovo esecutivo vorrebbe ampliare la platea di chi può avere accesso al riscatto light degli anni di laurea, allargandolo anche a chi lavora da prima del 1996.

Riscatto laurea, allargare la platea

Al momento, possono usufruire del riscatto agevolato coloro che abbiano un’età inferiore a 45 anni ed abbiano iniziato a lavorare dopo il 1996.  Si possono riscattare fino a cinque anni di studio, anche non consecutivi, pagando 5.240 euro per ogni anno. Sono esclusi da questo provvedimento gli anni di università fuori corso e quelli antecedenti al 1996. Inoltre non possono usufruire della misura gli studenti lavoratori, ovvero coloro che durante il periodo universitario abbiano versato contributi.

Il nuovo governo vorrebbe però estendere la platea dei beneficiari. In particolare si vorrebbero includere nella misura anche coloro che hanno preso a lavorare prima del 1996. Al momento la misura sta riscuotendo un ottimo successo. Complessivamente da marzo a luglio sono arrivate 32.479 domande, il 51% (16.603) seguendo le nuove regole che permettono di accedere a un riscatto low cost.

CONDIVIDI
Articolo precedenteEcobonus, Pmi contro lo sconto immediato
Articolo successivoAmazon prime, scontato al 50% per gli universitari
Classe 1987. Laureata in scienze biotecnologiche. Da sempre appassionata di letteratura, soprattutto gotica. Collaboro da molti anni con vari blog, dove mi occupo di cinema, tecnologia, spettacoli ed, ovviamente, economia. La mia passione per la scrittura mi ha portato, negli anni, a scrivere anche qualche romanzo e a partecipare ad alcuni concorsi letterari. Quando non scrivo mi occupo di formazione.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO