Riscatto laurea, quando conviene

Il riscatto laurea è una misura che consente il riconoscimento di anni contributivi per il periodo passato tra i banchi universitari a studiare.

Il riscatto di laurea agevolato, introdotto nel decreto che include anche reddito di cittadinanza e quota 100, permetterà di raggiungere prima l’età contributiva pensionabile necessaria per uscire dal lavoro. Tali contributi non incideranno quindi sull’entità dell’assegno percepito.

Ci sono però alcuni requisiti fondamentali da non sottovalutare.

Riscatto laurea agevolato, requisiti

Per poter ottenere il riscatto laurea agevolato occorre avere un’età anagrafica inferiore a 45 anni. Quindi non potrà essere ad esempio usata da chi sperava di utilizzare tali anni per poter uscire dal lavoro sfruttando Quota 100. Inoltre il riscatto sarà possibile solo per periodi soggetti esclusivamente al sistema contributivo.

Pertanto non sarà possibile riscattare gli anni di studio antecedenti al 1996. Prima di tale data infatti il sistema di calcolo applicato era di tipo retributivo.

Occorre ricordare che gli anni riscattabili sono solo quelli relativi alla durata ufficiale del corso, non si possono riscattare gli anni “fuori corso”. Il costo da sostenere è di circa 5 mila euro per ciascun anno che si intende riscattare. Si tratta tuttavia di cifre inferiori rispetto a quanto previsto fino ad ora, con il riscatto “tradizionale”.

CONDIVIDI
Articolo precedenteRottamazione, compensazione crediti ammessa
Articolo successivoReddito cittadinanza e quota 100, costi Caf
Classe 1987. Laureata in scienze biotecnologiche. Da sempre appassionata di letteratura, soprattutto gotica. Collaboro da molti anni con vari blog, dove mi occupo di cinema, tecnologia, spettacoli ed, ovviamente, economia. La mia passione per la scrittura mi ha portato, negli anni, a scrivere anche qualche romanzo e a partecipare ad alcuni concorsi letterari. Quando non scrivo mi occupo di formazione.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO