Riscatto gratuito della laurea, arriva la campagna social

Fondi sbloccati in 48 ore Image Banner 480 x 75

I giovani laureati italiani si sono mobilitati con una campagna sociale per farsi riconoscere il diritto al riscatto gratuito della laurea. Si tratta di una manovra cui da molto tempo si vocifera e che potrebbe rappresentare un grande aiuto, dal punto di vista previdenziale per i giovani millennials.

Per questa settimana è stato organizzato un tavolo tecnico al Miur proprio per discutere la possibilità di concedere ai giovani laureati la conversione gratuita degli anni passati sui banchi di scuola per conseguire il titolo accademico in anni di contributi lavorativi.

Per molti questa richiesta è diventata una battaglia da combattere sui social, partita da un piccolo movimento #Riscattalaurea, nato tra Roma e Napoli.

Riscatto gratuito della laurea, nasce la pagina facebook

Nei giorni scorsi la pagina facebook dedicata al riscatto gratuito della laurea si è arricchita di numerosissimi followers che hanno immediatamente aderito alla particolare campagna proposta. Una volta collegati alla pagina, i giovani laureati devono mostrare la propria adesione al movimento postando una propria foto con in mano un cartello riportante la scritta #riscattalaurea.

Il riscatto della laurea, ovvero la conversione in contributi degli anni previsti per portare a termine il proprio corso di laurea, è in realtà già possibile ma comporta il pagamento di una somma piuttosto alta pertanto risulta non essere affatto conveniente.

CONDIVIDI
Articolo precedenteUnicredit, attacco informatico e conti a rischio
Articolo successivoSpesa sociale, giovani sfavoriti a causa degli over 65
Classe 1987. Laureata in scienze biotecnologiche. Da sempre appassionata di letteratura, soprattutto gotica. Collaboro da molti anni con vari blog, dove mi occupo di cinema, tecnologia, spettacoli ed, ovviamente, economia. La mia passione per la scrittura mi ha portato, negli anni, a scrivere anche qualche romanzo e a partecipare ad alcuni concorsi letterari. Quando non scrivo mi occupo di formazione.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO