Reddito di inclusione, grande aiuto per gli indigenti

Fondi sbloccati in 48 ore Image Banner 480 x 75

Si chiama reddito di inclusione la nuova manovra del governo che punta ad aiutare le sempre più numerose famiglie a rischio povertà.

Purtroppo si tratta di una manovra che non poteva attendere oltre dal momento che negli ultimi 10 anni in Italia abbiamo assistito al raddoppiamento delle famiglie povere. Al momento si parla di 4,6 milioni di cittadini che vivono in condizioni di profonda indigenza, ovvero oltre 500 mila famiglie stando agli ultimi dati raccolti nei giorni scorsi dall’Istat.

La nuova manovra contro la povertà prevede il varo del reddito di inclusione, il riordino delle prestazioni assistenziali, il rafforzamento e coordinamento degli interventi in materia di servizi sociali.

Reddito di inclusione, manovra non rinviabile

Per questo anno le risorse destinate a misure atte a contrastare la povertà dilagante ammonteranno a 1 miliardo di euro, risorse destinate a crescere a 1,054 miliardi per il 2018.

La misura più importante per il contrasto della povertà pare essere il Rei, il Reddito di inclusione attiva. Si tratta di una misura pensata non solo come strumento di sostegno al reddito ma anche di reinserimento sociale, visto che il sussidio è strettamente legato all’impegno di chi lo riceve a cercare impiego.

Per poter percepire il Rei, un sostegno pari ad un massimo di 500 euro, si dovrà avere un Isee inferiore alle 3 mila euro. Anche i single potranno percepirlo, nella misura massima di 250 euro.

CONDIVIDI
Articolo precedenteReddito di cittadinanza, la grande incognita del Fmi
Articolo successivoCumulo contributi, istruzioni da Inps
Classe 1987. Laureata in scienze biotecnologiche. Da sempre appassionata di letteratura, soprattutto gotica. Collaboro da molti anni con vari blog, dove mi occupo di cinema, tecnologia, spettacoli ed, ovviamente, economia. La mia passione per la scrittura mi ha portato, negli anni, a scrivere anche qualche romanzo e a partecipare ad alcuni concorsi letterari. Quando non scrivo mi occupo di formazione.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO