Reddito d’inclusione, a chi spetta

Il reddito d’inclusione è un aiuto sociale dedicato alle fasce più a rischio della popolazione. La carte dei servizi Rei è riservata a poveri, disoccupati e disabili in possesso di requisiti ben specifici.

La carta Rei è una card emessa da Poste italiane che consente di acquistare beni di prima necessità e di provvedere al pagamento delle proprie utenze domestiche. Con questa carta è possibile anche prelevare direttamente contanti per un importo pari al 50% di quanto spettante e ricevere forti sconti presso gli esercizi commerciali convenzionati.

Reddito d’inclusione, chi ne ha diritto

Per poter accedere al beneficio la famiglia deve disporre di un Isee inferiore a 6 mila euro. Inoltre occorre che l’ Isre non superi i 3mila euro. Si tratta dell’indicatore della situazione reddituale (Isr) presente nell’attestazione Isee, diviso per il parametro della scala di equivalenza Isee ai fini Rei.

Il patrimonio immobiliare, escludendo la propria abitazione di residenza, deve essere inferiore a 20 mila euro. Il patrimonio mobiliare invece può avere una soglia massima variabile tra i 6mila e i 10mila euro a seconda del numero di componenti presenti nel nucleo familiare.

Inoltre non si devono avere auto o moto immatricolate negli ultimi 24 mesi, escludendo gli eventuali veicoli destinati ai disabili.

CONDIVIDI
Articolo precedenteBenzina, nuovo rialzo record
Articolo successivoAccise carburanti, tagli in arrivo
Classe 1987. Laureata in scienze biotecnologiche. Da sempre appassionata di letteratura, soprattutto gotica. Collaboro da molti anni con vari blog, dove mi occupo di cinema, tecnologia, spettacoli ed, ovviamente, economia. La mia passione per la scrittura mi ha portato, negli anni, a scrivere anche qualche romanzo e a partecipare ad alcuni concorsi letterari. Quando non scrivo mi occupo di formazione.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO