Piano Gualtieri, più soldi in busta paga ma non per tutti

E’ stato battezzato Piano Gualtieri la riforma che promette di portare più soldi in busta paga, per alcune categorie di lavoratori.

In particolare il piano in questione promette di tagliare le tasse applicate, consentendo quindi un risparmio di svariate centinaia di euro.

Il piano si rivolge ai redditi tra i 26mila e i 35mila euro, con un vantaggio di 500 euro l’anno nel 2020, coprendo solo sei mesi, e di mille nel 2021, con una media di 80 euro mensili.

Piano Gualtieri, cosa cambia

“Stiamo per chiudere una prima tranche” di interventi, ”che non è cosa da poco”, ha annunciato Gualtieri nel corso di un evento del Pd a Castel San Pietro Terme.

Rispetto al bonus Renzi, il taglio delle tasse dovrebbe portare circa 20 euro di guadagno in più in busta paga.

”C’è un segmento importante di cittadini per i quali la pressione fiscale sul lavoro è troppo forte”, ha osservato inoltre Gualtieri, spiegando che si vogliono ”aiutare i lavoratori e i loro stipendi non con la flat tax ma con il taglio del cuneo'”.

Al momento la detrazione per i redditi tra 8 mila e 15 mila euro non sarebbe possibile, ma si starebbe studiando una possibile manovra per cercare di agevolare anche tale fascia reddituale.

Una riforma costosa ma necessaria

Il piano promesso è assolutamente necessario vista la “leggerezza” delle buste paga italiane. A tal proposito la legge di bilancio ha messo sul piatto tre miliardi per permettere di rendere meno pesante la fiscalità che colpisce proprio le buste paga. Il tentativo è quello di estendere ad una maggior platea il famoso bonus 80 euro di Renzi.

In particolare il beneficio dovrebbe andare a favore di redditi compresi tra i 26mila e i 35mila euro lordi annui.





CONDIVIDI
Articolo precedentePresidente Inps, previsioni quota 100 errate
Articolo successivoTetto al pagamento in contanti, il cashless non deve costare di più
Classe 1987. Laureata in scienze biotecnologiche. Da sempre appassionata di letteratura, soprattutto gotica. Collaboro da molti anni con vari blog, dove mi occupo di cinema, tecnologia, spettacoli ed, ovviamente, economia. La mia passione per la scrittura mi ha portato, negli anni, a scrivere anche qualche romanzo e a partecipare ad alcuni concorsi letterari. Quando non scrivo mi occupo di formazione.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO