Pensione scuola, dal 2019 a 67 anni o 43 di contributi

Ormai è ufficiale, a partire dal 2019 anche nel settore scolastico si potrà raggiungere la soglia per la tanto agognata pensione solo a 67 anni di età o dopo aver maturato ben 43 anni di contributi. Le soglie del pensionamento si innalzeranno dunque, anche per i docenti, di ben 5 mesi.

Questo in sostanza è quanto previsto da uno specifico decreto del Ragioniere generale dello Stato di concerto con il direttore generale delle politiche previdenziali e assicurative del ministero del Lavoro, pubblicato nel corso della settimana appena trascorsa in Gazzetta ufficiale.

Pensione scuola, incrementi per maggiore equità

La scelta di innalzare i requisiti richiesti per il raggiungimento della pensione di vecchiaia è dettato dalla necessità di maturare dei requisiti che consentano un trattamento più equo per tutti. Con la normativa precedente questo decreto infatti per gli uomini erano necessari 66 anni e 7 mesi, minimo previsto anche per le dipendenti del settore pubblico, mentre per le dipendenti del privato erano sufficienti 65 anni e 7 mesi e per le autonome 66 anni e 1 mese. Dal 2019 invece, “grazie” al nuovo decreto per la pensione di vecchiaia saranno necessari 67 anni di età per tutti. Già dal 2018 però, sempre nell’ottica di aumentare l’equità in ambito previdenziale, saranno richiesti minimo 66 anni e 7 mesi per tutti, quale conclusione, già prevista dalle norme, del processo di equiparazione tra uomini e donne.

CONDIVIDI
Articolo precedenteRiscaldamento, attenzione alle termovalvole
Articolo successivoDeflazione, rischio scomparso per Draghi
Classe 1987. Laureata in scienze biotecnologiche. Da sempre appassionata di letteratura, soprattutto gotica. Collaboro da molti anni con vari blog, dove mi occupo di cinema, tecnologia, spettacoli ed, ovviamente, economia. La mia passione per la scrittura mi ha portato, negli anni, a scrivere anche qualche romanzo e a partecipare ad alcuni concorsi letterari. Quando non scrivo mi occupo di formazione.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO