Naspi bloccata o sospesa, cosa fare

La Naspi è una forma di indennità di disoccupazione corrisposta ai lavoratori che hanno perso il posto di lavoro contro la propria volontà. Può capitare però che l’ente blocchi o sospenda improvvisamente l’erogazione del beneficio. Cosa fare in caso di Naspi bloccata o sospesa? Questo non sempre accade per mancanza dei requisiti necessari a poter usufruire del beneficio. Può succedere che si sia semplicemente trattato di un disguido burocratico. Vediamo quindi di capire cosa fare in questi casi e come procedere per riuscire a far valere i propri diritti.

Naspi bloccata o sospesa, inviare diffida

Il mezzo più efficace in caso di Naspi bloccata o sospesa è quello di inviare diffida all’Inps. La comunicazione scritta è come al solito il mezzo più immediato per poter sbloccare la situazione. Chiaramente a patto di essere certi di avere tutti  i requisiti necessari per poter effettivamente accedere al beneficio.

Per procedere alla diffida basterà compilare una sorta di autocertificazione da inoltrare alla sede Inps tramite pec o raccomandata con ricevuta di ritorno.

Il modulo inoltrato dovrà riportare i motivi per cui si ritiene ingiustificata la sospensione del trattamento.

Potete visualizzare un fac-simile per il modello aspi al link https://www.manageritalia.it/content/download/Informazione/info/Modello_Ricorso_Amm_Inps_ASPI.pdf

Chiaramente variando opportunamente i campi il modello potrà fare al caso vostro e rendere più semplice la compilazione della diffida.

CONDIVIDI
Articolo precedenteAssunzioni poste, requisiti richiesti
Articolo successivoCedolino pensione, come verificarlo online
Classe 1987. Laureata in scienze biotecnologiche. Da sempre appassionata di letteratura, soprattutto gotica. Collaboro da molti anni con vari blog, dove mi occupo di cinema, tecnologia, spettacoli ed, ovviamente, economia. La mia passione per la scrittura mi ha portato, negli anni, a scrivere anche qualche romanzo e a partecipare ad alcuni concorsi letterari. Quando non scrivo mi occupo di formazione.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO