Inabilità civile, quando spetta la pensione

Il riconoscimento dell’inabilità civile da parte della commissione Inps non comporta automaticamente il riconoscimento della pensione. Essa viene infatti riconosciuta solo nel caso in cui si ritenga il soggetto completamente non in grado di lavorare. Si tratta di un incentivo sensibilmente differente dalla pensione di invalidità civile. Quest’ultima è infatti riconosciuta a coloro che abbiano ridotto la capacità lavorativa dei 2/3. Come dicevamo invece per percepire la pensione per inabilità civile occorre avere un’impossibilità lavorativa totale, ovvero pari al 100%.

Inabilità civile, cosa comporta

L’inabilità civile può essere riconosciuta sia per motivi fisici che mentali. Per ottenerne il riconoscimento occorre chiaramente certificare la propria inabilità di fronte ad una commissione Inps, che valuterà lo stato di inabilità attribuendo un punteggio.

Se il soggetto non lavora al momento dell’accertamento Inps, per poter percepire la pensione è necessario che abbia però alle spalle almeno 5 anni di contributi. Inoltre almeno 3 di questi devono essere stati maturati nei 5 anni precedenti la presentazione della domanda.

E’ richiesto anche un requisito reddituale che viene stabilito annualmente dall’Inps.

Anche l’assegno mensile erogato è variabile sulla base della situazione reddituale del richiedente. La prestazione prevede l’erogazione di 13 mensilità ed è corrisposta fino al compimento di 65 anni e 7 mesi di età. Raggiunta tale soglia il soggetto potrà infatti richiedere l’erogazione della pensione sociale, che andrà di fatto a sostituire la pensione di inabilità.

CONDIVIDI
Articolo precedentePostepay evolution, ecco cosa cambia
Articolo successivoAumenti in bolletta, ecco le cause
Classe 1987. Laureata in scienze biotecnologiche. Da sempre appassionata di letteratura, soprattutto gotica. Collaboro da molti anni con vari blog, dove mi occupo di cinema, tecnologia, spettacoli ed, ovviamente, economia. La mia passione per la scrittura mi ha portato, negli anni, a scrivere anche qualche romanzo e a partecipare ad alcuni concorsi letterari. Quando non scrivo mi occupo di formazione.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO