Disoccupazione, domande a -27,5%

Fondi sbloccati in 48 ore Image Banner 480 x 75

Timidi segnali di ripresa per l’economia nazionale che nel primo trimestre del 2016 ha assistito ad un evidente calo delle domande di disoccupazione e cassa integrazione, a fronte di una crescita del Pil pari allo 0.3%.

Il calo più evidente nelle richieste di sussidi è stato registrato nel mese di marzo, mese in cui sono pervenute all’Inps complessivamente 98.557 domande, tra Aspi,Naspi, mobilità e disoccupazione, con una calo del 27,5% rispetto allo stesso periodo 2015, percentuale che cresce al 28,2% se si amplia il periodo di analisi all’intero trimestre.

Banner Maggio 2017 300 x 250

Si tratta tutto sommato di dati che non giungono affatto inaspettati, considerando le ultime ricerche condotte dall’ente di ricerca nazionale che vedevano la disoccupazione scesa all’11,4%, il livello più basso dal dicembre 2012. Di pari passo nel mese di marzo si è anche assistito alla crescita dell’occupazione, con ben 90 mila nuove unità.

Tirando le somme il tasso di occupazione è salito di 0,2 punti al 56,7%, mentre i disoccupati sono scesi a 2,89 milioni, 274 mila in meno rispetto a marzo 2015.

Finiscono gli sgravi, ma non le assunzioni

Sembra dunque che la contrazione degli sgravi prevista per il 2016 non ha avuto gli effetti catastrofici di cui si è parlato all’inizio dell’anno. Dopo un breve periodo di assestamento sembra infatti che la situazione sia tornata alla normalità e che la crescita del Paese sia ripresa a pieno ritmo.

Anche la cassa integrazione manifesta una contrazione, che nel mese di aprile è stata pari al 6,2% su aprile 2015, sebbene in aumento di circa 9 punti sul mese precedente. Anche in questo caso però se si amplia il periodo di analisi all’intero trimestre si evidenzia tutto sommato una svolta rispetto alla preoccupante situazione cui si assisteva fino a qualche mese fa. Nel primo quadrimestre sono infatti state richieste 226,5 milioni di ore di cassa integrazione, con un calo del 2,4% rispetto allo stesso periodo del 2015.

CONDIVIDI
Articolo precedenteBorsa USA, rialzo grazie al petrolio
Articolo successivoEnergie rinnovabili, decreto incentivi
Classe 1987. Laureata in scienze biotecnologiche. Da sempre appassionata di letteratura, soprattutto gotica. Collaboro da molti anni con vari blog, dove mi occupo di cinema, tecnologia, spettacoli ed, ovviamente, economia. La mia passione per la scrittura mi ha portato, negli anni, a scrivere anche qualche romanzo e a partecipare ad alcuni concorsi letterari. Quando non scrivo mi occupo di formazione.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO