Detrazione figli a carico, aumento della soglia di reddito

Una delle più importanti novità inserite dalla legge di bilancio del 2018 e destinate alla famiglia è sicuramente la modifica del tetto massimo entro cui poter usufruire della detrazione figli a carico.

A partire dal 2018 le detrazioni destinate a coloro che hanno figli a carico passeranno dall’attuale soglia reddituale di  2.840 euro a 4.000 euro lordi l’anno.

Si tratta di un grande traguardo per le famiglie italiane, raggiunto grazie ad un accordo siglato tra Partito Democratico e Alternativa Popolare e che ha portato all’approvazione di un emendamento in seno alla Legge di Bilancio, contenuto nel cosiddetto pacchetto famiglia, presentato dal deputato Paolo Tancredi di Ap.

Detrazione figli a carico, un grande traguardo per le famiglie

Si tratta di un grande traguardo, raggiunto dopo un decennio di contestazioni. La soglia reddituale per l’accesso al beneficio era infatti stata fissata ben 10 anni or sono e mai più rivista. All’epoca c’era ancora la lira e sicuramente un potere di acquisto per le famiglie totalmente differente da quello attuale.

“Si tratta di un primo passo verso l’introduzione del quoziente familiare”, ha affermato l’onorevole Tancredi, autore dell’emendamento “che consente alle famiglie di ottenere contributi anche quando i figli svolgono solo lavori precari o stagionali”. L’obiettivo iniziale era quello di innalzare il tetto reddituale a 5 mila euro, corrispondente alla soglia di povertà fissata dall’Istat. Purtroppo, come sempre, la ristrettezza delle risorse ha avuto la meglio.

CONDIVIDI
Articolo precedenteApe sociale, prima fase di pagamenti
Articolo successivoMinenna, uscire dall’euro è possibile
Classe 1987. Laureata in scienze biotecnologiche. Da sempre appassionata di letteratura, soprattutto gotica. Collaboro da molti anni con vari blog, dove mi occupo di cinema, tecnologia, spettacoli ed, ovviamente, economia. La mia passione per la scrittura mi ha portato, negli anni, a scrivere anche qualche romanzo e a partecipare ad alcuni concorsi letterari. Quando non scrivo mi occupo di formazione.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO