Assegni familiari, a chi spettano

La rivalutazione delle soglie reddituali per poter accedere all’erogazione degli assegni familiari avviene su base annua con decorrenza dal primo luglio. I livelli reddituali attualmente attivi resteranno dunque in vigore fino al prossimo 30 giugno 2019. La variazione delle soglie reddituali è dettata dalla variazione degli indici dei prezzi al consumo per le famiglie dei dipendenti, rispetto all’anno precedente rispetto a quello in cui si richiede il beneficio.

Assegni familiari, requisiti richiesti

Per i nuclei composti da entrambi i genitori ed almeno un figlio minore a carico, la soglia minima reddituale è pari a 14.541,59 euro. Questo per famiglie in cui non compaiano componenti disabili. L’entità dell’assegno è chiaramente variabile. La somma percepita può infatti subire fluttuazioni anche piuttosto ampie a seconda del numero di minori presenti all’interno del nucleo familiare. Inoltre anche la presenza di soggetti inabili al lavoro porta a far lievitare sensibilmente l’assegno percepito.

I soggetti inabili inoltre non necessariamente devono essere minori di età. La circolare Inps n 68 pubblicata nel maggio dello scorso anno riporta in allegato le tabelle excel dei requisiti reddituali. Sul sito ufficiale è possibile consultare tali tabelle per rendersi conto di quella che sarà la somma percepita in base al tipo di nucleo familiare per il quale si richiede il beneficio.

CONDIVIDI
Articolo precedenteNavigator, pronti alle selezioni
Articolo successivoReddito di cittadinanza, sono solo spiccioli
Classe 1987. Laureata in scienze biotecnologiche. Da sempre appassionata di letteratura, soprattutto gotica. Collaboro da molti anni con vari blog, dove mi occupo di cinema, tecnologia, spettacoli ed, ovviamente, economia. La mia passione per la scrittura mi ha portato, negli anni, a scrivere anche qualche romanzo e a partecipare ad alcuni concorsi letterari. Quando non scrivo mi occupo di formazione.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO