Ape aziendale, niente penalizzazioni

Fondi sbloccati in 48 ore Image Banner 480 x 75

L’Ape aziendale potrà essere a carico dell’impresa per favorire l’uscita anticipata dal lavoro degli operai, evitando quindi le temute penalizzazioni.

Il progetto Ape aziendale sarà avviato a partire dal prossimo 1 maggio 2017 e favorirà il contenimento dei costi da sostenere da parte dello Stato per concedere il ritiro anticipato dal lavoro.

Ape aziendale, come funziona

Banner Maggio 2017 300 x 250

Secondo quanto previsto dall’Ape aziendale i datori di lavoro del settore privato , gli enti bilaterali o i fondi di solidarietà settoriali potranno, con il consenso del lavoratore, incrementare il montante contributivo individuale attraverso il versamento all’INPS, in unica soluzione, di un contributo non inferiore, per ciascun anno o sua frazione di anticipo rispetto alla maturazione del diritto alla pensione di vecchiaia, all’importo della retribuzione percepita dal lavoratore prima del pensionamento.

In altre parole con questo versamento da parte del datore, si assicura al lavoratore la ricezione di un assegno pensionistico più cospicuo al momento del raggiungimento dell’età pensionistica, pertanto il rimborso dell’Ape percepita avverrà in tempistiche più ridotte.

E’ come se l’incremento contributivo recepito dal datore andasse a compensare totalmente il debito contratto accettando di percepire l’Ape piuttosto che attendere il raggiungimento dei requisiti richiesti per l’ottenimento della pensione di vecchiaia.

La compensazione dei contributi potrà coprire da sei mesi ad un massimo di tre anni e sette mesi, per un totale da versare all’Inps in quest’ultimo caso che si aggira attorno ai 30 mila euro.

CONDIVIDI
Articolo precedentePoste, nuovo piano privatizzazioni
Articolo successivoLotta evasione, recuperati 19 miliardi
Classe 1987. Laureata in scienze biotecnologiche. Da sempre appassionata di letteratura, soprattutto gotica. Collaboro da molti anni con vari blog, dove mi occupo di cinema, tecnologia, spettacoli ed, ovviamente, economia. La mia passione per la scrittura mi ha portato, negli anni, a scrivere anche qualche romanzo e a partecipare ad alcuni concorsi letterari. Quando non scrivo mi occupo di formazione.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO