Stangata mutui, tassi in risalita

Dopo un periodo fiorente, arriva la stangata mutui. Dopo un lungo periodo in cui i tassi hanno subito un’incredibile corsa al ribasso, adesso si è pronti a risalire. L’effetto si è già cominciato a sentire ed in generale tutti i principali istituti di credito stanno già attuando tassi sensibilmente più alti rispetto ai mesi scorsi. Dalla scorsa estate ad oggi lo spread ha registrato un incremento di quasi 30 punti percentuali per quanto concerne il tasso fisso. Meno evidente, ma comunque pari a circa 15-20 punti base invece la salita inerente il tasso variabile.

Stangata mutui, risalita dopo lungo stallo

Già a partire dal mese di settembre il mercato ha registrato una crescita generalizzata dei tassi applicati. Dopo che per lungo tempo lo spread si è aggirato attorno allo zero, il suo incremento ha causato una rapida impennata dei tassi. E’ stato però nel periodo ottobre-novembre che si sono evidenziati gli incrementi più evidenti.

Secondo Stefano Rossini, responsabile di mutuisupermarket, gli incrementi sono legati ad un “ritardo di revisione dei tassi finiti di offerta sui mutui a tasso fisso a fronte degli aumenti degli indici Irs”, i tassi che insieme allo spread compongono il tasso fisso. Ma tra i fattori che hanno determinato l’accelerazione dei tassi c’è soprattutto il tendenziale “aumento del costo dell’approvvigionamento di liquidità”.

CONDIVIDI
Articolo precedenteCongedo straordinario, modifiche attese per il prossimo anno
Articolo successivoInvalidità civile inferiore al 50%, ecco cosa spetta
Classe 1987. Laureata in scienze biotecnologiche. Da sempre appassionata di letteratura, soprattutto gotica. Collaboro da molti anni con vari blog, dove mi occupo di cinema, tecnologia, spettacoli ed, ovviamente, economia. La mia passione per la scrittura mi ha portato, negli anni, a scrivere anche qualche romanzo e a partecipare ad alcuni concorsi letterari. Quando non scrivo mi occupo di formazione.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO