Mutui prima casa, stop al pignoramento nel 2020

mutui prima casa

Tra le novità portate dal 2020 in seno al nuovo decreto fiscale troviamo anche lo stop al pignoramento dell’immobile per coloro che abbiano richiesto un prestito.

Se si accende un mutuo con ipoteca sull’immobile in cui si risiede, prima della vendita all’asta dello stesso è possibile richiedere una rinegoziazione del mutuo. Questa opzione è però richiedibile solo se appunto si risiede nell’immobile coperto da ipoteca, altrimenti non è fattibile.

Stop pignoramento nel 2020, cosa cambia

Nel 2020 sarà dunque possibile evitare il pignoramento della casa in cui si risiede rinegoziando il mutuo.

La tutela è valida solo per i pignoramenti attivati tra il 1 gennaio del 2010 e il 30 giugno 2019, a patto che il prestito sia stato richiesto ad una banca e che si sia già versato almeno il 10% del totale.
È possibile chiedere la rinegoziazione entro il 31 dicembre 2021, per una cifra che non può essere superiore ai 250 mila euro. Se la rinegoziazione viene accettata, il saldo del mutuo dovrà essere compiuto in un massimo di 30 anni. Se invece viene respinta si può ricorrere alla parentela di terzo grado. Se la richiesta è accettata il parente diventa automaticamente il proprietario dell’immobile.

Si tratta dunque di un grande passo avanti nell’ambito dei prestiti, per scongiurare l’eventualità di subire l’allontanamento obbligatorio dal proprio immobile, dopo che magari già parte del debito era stata saldata.

CONDIVIDI
Articolo precedenteScontrini telematici, come partecipare alla lotteria
Articolo successivoTassi di interesse mutui, i dati di Banca d’Italia
Classe 1987. Laureata in scienze biotecnologiche. Da sempre appassionata di letteratura, soprattutto gotica. Collaboro da molti anni con vari blog, dove mi occupo di cinema, tecnologia, spettacoli ed, ovviamente, economia. La mia passione per la scrittura mi ha portato, negli anni, a scrivere anche qualche romanzo e a partecipare ad alcuni concorsi letterari. Quando non scrivo mi occupo di formazione.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO