Partita iva, come aprirla e a quale costo

Come aprire una partita iva e quali costi comporta? E’ un quesito che molti utenti si saranno chiesti, considerate le difficoltà lavorative che spesso si incontrano nel nostro Paese.

Eppure aprire una partita iva non è affatto difficile, basta scaricare un’app. Il processo è svolto totalmente per via telematica grazie all’app ComUnica Impresa. Si tratta di un software scaricabile gratuitamente, che guiderà l’utente attraverso il processo, passo dopo passo.

Partita iva, come aprirla in pochi semplici passi

L’unico requisito indispensabile è quello di possedere una pec, dove sarà inviata la ricevuta valida per l’avvio dell’impresa. Occorrerà inoltre recarsi presso la Camera di commercio, presentando codice fiscale, indirizzo mail valido e documento di riconoscimento in corso di validità per ottenere la firma digitale.

A questo punto non manca nulla se non le credenziali Telemaco. Potranno essere richieste presso gli ordini professionali e le associazioni di categoria. In alternativa basta registrarsi al sito del registro imprese, sfruttando carta di credito o altri sistemi bancari, utili per il versamento dei diritti e imposte.

Per quanto concerne i costi da sostenere essi si compongono di costi Irpef, Costi Irap, Costi per la Camera di Commercio, Costi Iva. Si tratta comunque di costi necessari per chiunque voglia avviare un’attività in proprio di qualsiasi tipo.

CONDIVIDI
Articolo precedenteProroga opzione donna, quali requisiti nel 2019?
Articolo successivoIndennità disoccupazione, domande record a luglio
Classe 1987. Laureata in scienze biotecnologiche. Da sempre appassionata di letteratura, soprattutto gotica. Collaboro da molti anni con vari blog, dove mi occupo di cinema, tecnologia, spettacoli ed, ovviamente, economia. La mia passione per la scrittura mi ha portato, negli anni, a scrivere anche qualche romanzo e a partecipare ad alcuni concorsi letterari. Quando non scrivo mi occupo di formazione.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO