Non pagare il canone Rai

Rai canone
Fondi sbloccati in 48 ore Image Banner 480 x 75

In un precedente articolo avevamo confermato che è il 30 aprile la data ultima per dichiarare il non possesso della tv e quindi evitare di pagare il canone Rai. La data è stata ulteriormente confermata anche sul sito della Rai (http://www.canone.rai.it) sul quale è stato finalmente aggiunta una apposita sezione dedicata alla “dichiarazione di non possesso tv per uso privato” corredata da modello da presentare e istruzioni.

E’ già risaputo, ma ricordiamo che “Chiunque detenga uno o più apparecchi atti o adattabili alla ricezione dei programmi televisivi deve per legge R.D.L.21/02/1938 n.246 pagare il canone TV. Trattandosi di un’imposta sulla detenzione dell’apparecchio, il canone deve essere pagato indipendentemente dall’uso del televisore o dalla scelta delle emittenti televisive“. Ne risulta che, la buona parte degli italiani dovranno pagare il balzello, che da quest’anno sarà addebitato direttamente nella bolletta della corrente elettrica. 

Come non pagare il canone Rai?

Banner Maggio 2017 300 x 250

Chi non possiede però la tv avrà ovviamente diritto di non pagare il canone Rai. E’ in questo caso presentare una certificazione del non possesso che avrà durata annuale, questo significa che ogni anno, rispettando certe finestre temporali, bisognerà dichiarare di non possedere la tv, qualora questa non sia effettivamente posseduta.

Come fare per non pagare il canone Rai dichiarando di non possedere la tv

Per prima cosa, conviene scaricare il modulo di DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA RELATIVA AL CANONE DI ABBONAMENTO ALLA TELEVISIONE PER USO PRIVATO presente qui.

canone rai
La prima parte del modulo per dichiarare il non possesso della tv è semplice, vanno compilati i riquadri che vi abbiamo evidenziato. Le altre parti fanno riferimento a vecchie presentazioni, oppure sono da utilizzare in caso a compilarlo siano degli eredi, oppure qualora la presentazione sia effettuata da un intermediario
canone rai 2
La seconda pagina presenta il riquadro dove effettivamente va dichiarato il mancato possesso. Sull’immagine è il quadratino segnato con una freccia. Una volta compilato tutto (ricordarsi di inserire anche il codice fiscale nella parte alta della pagina) il modello andrà spedito oppure ricopiato online sull’apposita sezione del sito dell’Agenzia delle Entrata (è necessario il codice dispositivo necessario per usare il portale).

La compilazione non è particolarmente difficile. In ogni caso sono presenti delle istruzioni aggiuntive qui.


Comparameglio.it confronta 18 Assicurazioni Auto

Attenetevi a quanto riportato in questo articolo e in particolare sulle didascalie presenti sotto alle due immagini del modello per dichiarare di non possedere la tv e non pagare il canone Rai.

Quando va presentato il modello di non possesso della tv per non pagare il canone Rai?

“Per il 2016, primo anno di applicazione del pagamento del canone in bolletta, la dichiarazione sostitutiva di non detenzione va presentata a mezzo del servizio postale entro il 30 aprile 2016 e in via telematica entro il 10 maggio 2016 per avere effetto per l’intero canone dovuto per l’anno 2016. La dichiarazione sostitutiva presentata a mezzo del servizio postale dal 1° maggio 2016 ed entro il 30 giugno 2016 e in via telematica dall’11 maggio 2016 al 30 giugno 2016 ha effetto per il canone dovuto per il semestre luglio-dicembre 2016. La dichiarazione sostitutiva presentata dal 1° luglio 2016 ed entro il 31 gennaio 2017 ha effetto per l’intero canone dovuto per l’anno 2017″.

“ATTENZIONE: nel caso di attivazione di nuova utenza di fornitura di energia elettrica residenziale da parte di soggetti che non siano già titolari di altra utenza residenziale nell’anno di attivazione, la dichiarazione sostitutiva di non detenzione va presentata entro la fine del mese successivo alla data di attivazione della fornitura per avere effetto a decorrere dalla data di attivazione della fornitura stessa e fino al 31 dicembre del medesimo anno”.

Come presentare il modello di non possesso della tv per non pagare il canone Rai?

La dichiarazione sostitutiva può essere presentata mediante una specifica applicazione web disponibile sul sito internet dell’Agenzia delle entrate, utilizzando le credenziali Fisconline o Entratel rilasciate dall’Agenzia delle entrate (si può chiedere su https://telematici.agenziaentrate.gov.it/Abilitazione/Fisconline.jsp)

E’ possibile avvalersi di un intermediario abilitato ai sensi dell’articolo 3, comma 3, del D.P.R. n. 322/1998. La dichiarazione si considera presentata nella data risultante dalla ricevuta rilasciata in via telematica dall’Agenzia delle entrate.

Nei casi in cui non sia possibile la trasmissione telematica, la dichiarazione sostitutiva può anche essere spedita a mezzo del servizio postale in plico raccomandato senza busta al seguente indirizzo: Agenzia delle entrate – Ufficio Torino 1 – Sportello abbonamenti TV – Casella postale 22 – 10121 Torino. La dichiarazione si considera presentata nella data di spedizione risultante dal timbro postale. ATTENZIONE: in quest’ultima ipotesi il modello deve essere presentato unitamente alla copia di un valido documento di riconoscimento.

Quanto sopra scritto è in parte stato elaborato dal sito della Rai, si può star certi quindi che si tratta di informazioni veritiere. Diffidate da chi vi promette in internet di aiutarvi a non pagare il canone della Rai. In alcuni casi si tratta di associazioni che effettivamente si battono da anni (senza successo) per l’abolizione del canone Rai ma spesso anche di ciarlatani che cercano di spillarvi soldi.

Si ricorda che la falsa dichiarazione è punita come da Art. 75 e 76 del Dpr 445 del 2000 e codice penale.

CONDIVIDI
Articolo precedenteRetribuzioni in aumento, +0.8% secondo Istat
Articolo successivoVacanze di Pasqua, gli italiani rimangono in Italia
La Redazione di Mutuonews propone notizie e approfondimenti su mutui, finanziamenti, prestiti e risparmio con un linguaggio chiaro e comprensibile. Siamo un team giovane e informale e al contempo attento e disponibile!

1 COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO