Turismo, aumentano le presenze a breve termine

hotel_italia_600x300Le ultime indagini Istat riportano dati piuttosto positivi per il turismo, con ben 30 milioni di arrivi e 94 milioni di presenze.

In questo secondo trimestre, stando a quanto si apprende dall’analisi dei dati, c’è stata una crescita percentuale del 3,6% e del 2,8%.

Purtroppo però la ricerca non riporta solo dati favorevoli, ma fa anche notare che la durata media delle permanenze nello stesso periodo ha subito una flessione negativa, seppur di lieve entità. In particolare la permanenza media, secondo i dati raccolti dall’istituto nazionale di ricerca, è passata da 3,14 giornate nel secondo trimestre del 2013 a 3,12 nel medesimo periodo del 2014.

Le presenze registrate negli alberghi e nelle altre strutture ricettive relative al secondo trimestre 2014 sono aumentate, rispetto all’anno scorso, per entrambe le componenti della clientela: quelle dei residenti (che rappresentano, nel trimestre considerato, il 45% delle presenze totali) sono cresciute dell’1,9%, quelle dei non residenti hanno segnato un tasso di crescita del 3,5%.

Ovviamente però nell’analisi bisogna prendere i dati con cautela perchè, come fa notare lo stesso istituto che li ha raccolti ed analizzati, nei due anni di riferimento alcune festività, come la Pasqua, sono ricorse in periodi differenti quindi hanno ovviamente influenzato il turismo dal momento che questi sono i periodi in cui si registrano il maggior numero di partenze.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO