Token e chiavette online banking, si va in pensione

Addio a token e chiavette per accedere all’online banking. Le nuove normative di sicurezza impongono aggiornamenti costanti agli istituti di credito, e questa volta toccherà a chiavette e token elettronici andare in pensione. Dallo scorso 14 settembre è infatti ufficiale l’uso obbligatorio dell’identificazione a due fattori per poter accedere alle piattaforme bancarie.

La normativa, entrata ufficialmente in vigore lo scorso sabato, non è altro che l’ultimo tassello della revisione della Direttiva europea sui servizi di pagamento (Psd2).

Online banking, ecco cosa cambia

Per gli utenti di fatto non cambia molto dal punto di vista pratico, con l’identificazione a due fattori il codice che prima era, nella maggior parte dei casi, visibile su token o chiavetta ora sarà ricevuto sullo smartphone. Il problema è che però l’adeguamento potrebbe, secondo quanto sostiene il Codacons, comportare ritardi nei pagamenti con qualche disagio per l’utenza meno avvezza alle nuove tecnologie.

Secondo quanto dichiarato dalla Commissione Ue, “I consumatori europei saranno più protetti contro le frodi on line, e avranno miglior accesso a forme più innovative di pagamenti online e via smartphone. Le nuove norme verranno recepite in maniera graduale dagli operatori del settore per dare loro il tempo di adattarsi ai cambiamenti”.

L’identificazione a due fattori, con pin o impronta digitale, sarà resa obbligatoria per tutti i pagamenti oltre 30 euro.

CONDIVIDI
Articolo precedenteReddito cittadinanza, sanzione lavoro nero
Articolo successivoAssegno unico, potrebbe arrivare dal 2020
Classe 1987. Laureata in scienze biotecnologiche. Da sempre appassionata di letteratura, soprattutto gotica. Collaboro da molti anni con vari blog, dove mi occupo di cinema, tecnologia, spettacoli ed, ovviamente, economia. La mia passione per la scrittura mi ha portato, negli anni, a scrivere anche qualche romanzo e a partecipare ad alcuni concorsi letterari. Quando non scrivo mi occupo di formazione.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO