Sacchetti biodegradabili, costeranno 15 euro all’anno

Fondi sbloccati in 48 ore Image Banner 480 x 75

I sacchetti biodegradabili introdotti dallo scorso 1 gennaio anche per frutta, verdura e carni acquistati nei supermercati della grande distribuzione non smettono di suscitare polemiche.

Consumatori e forze politiche di opposizione accusano infatti il governo di aver inserito una nuova tassa occulta, spacciata come “atto di civiltà” dai principali sostenitori. Inoltre sono molti gli utenti indignati che si sono lamentati del fatto che il sacchetto venga conteggiato in cassa anche se non lo si è acquistato. Passerebbe infatti in automatico come maggiorazione del prezzo ogni volta che si acquista frutta o verdura in un supermercato, costringendo quindi i consumatori che non vogliano pagare per un servizio di cui non hanno usufruito a rifare la fila in cassa per richiedere il rimborso.

Sacchetti biodegradabili, una tassa da 15 euro all’anno

Banner Maggio 2017 300 x 250

Considerando un utilizzo medio di due sacchetti al giorno al prezzo di circa un centesimo a busta, in media le famiglie dovranno sostenere un costo di ben 15 euro all’anno per l’acquisto dei sacchetti bio.

Secondo alcuni rumors circolate in rete, appoggiate anche dalle principali forze politiche di opposizione ci sarebbe anche l’ipotesi secondo la quale la misura sarebbe stata decisa per favorire un’azienda vicina al segretario del Pd, Matteo Renzi. Anche Giorgia Meloni ha deciso di sottolineare tali voci pubblicandole sulla propria pagina facebook.

CONDIVIDI
Articolo precedenteSaldi 2018, sconti limitati ma italiani pronti a spendere
Articolo successivoPensione a 55 anni, possibile con 41 anni di contributi

Classe 1987. Laureata in scienze biotecnologiche. Da sempre appassionata di letteratura, soprattutto gotica. Collaboro da molti anni con vari blog, dove mi occupo di cinema, tecnologia, spettacoli ed, ovviamente, economia. La mia passione per la scrittura mi ha portato,
negli anni, a scrivere anche qualche romanzo e a partecipare ad alcuni concorsi letterari. Quando non scrivo mi occupo di formazione.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO