Rottamazione auto, novità da luglio

mercato auto

A partire dal 1° luglio potrebbero arrivare interessanti novità in merito alla rottamazione auto. Dal momento che nel mese di maggio non è assolutamente arrivato in tanto atteso rilancio, che si prevedeva dopo il lungo periodo di stasi legato al lockdown, si cerca quindi di rilanciare un settore fortemente piegato.

La riforma, se approvata, rivoluzionerà il settore automobilistico e riguarderà il periodo compreso tra il mese di luglio e quello di dicembre.

Rottamazione auto, ecco cosa cambia da luglio

La riforma prevede un incentivo per coloro che scelgono di rottamare un veicolo con almeno 10 anni di vita alle spalle.

Il contributo ammonterebbe a 4 mila euro, di cui 2 mila di contributo statale e i restanti 2 mila di contributo dei concessionari.

Gli incentivi previsti non trascurano però coloro che non siano in possesso di auto da rottamare. La riforma infatti prevede incentivi, nella misura di 2 mila euro, anche per coloro che acquistino un’auto con basse emissioni, classificata come Euro 6. In questo caso gli incentivi saranno ripartiti nella misura di 1000 euro di contributo statale e 1000 dati dalla concessionaria.

Il nuovo veicolo acquistato non deve avere emissioni di C02 superiori a 61g/km.

Il piano non dimentica di tenere in considerazione anche l’eventuale acquisto di veicoli usati. Dal 1° luglio al 31 dicembre 2020 si potrà rottamare infatti un’auto usata Euro 0,1,2 e 3 con un usato non inferiore a Euro 5. In questo caso, si potrà beneficiare dell’esenzione degli oneri fiscali sul trasferimento dell’auto.

CONDIVIDI
Articolo precedenteCommercio online, record ad aprile
Articolo successivoTasse Covid, ecco a quanto ammonteranno gli aumenti
Classe 1987. Laureata in scienze biotecnologiche. Da sempre appassionata di letteratura, soprattutto gotica. Collaboro da molti anni con vari blog, dove mi occupo di cinema, tecnologia, spettacoli ed, ovviamente, economia. La mia passione per la scrittura mi ha portato, negli anni, a scrivere anche qualche romanzo e a partecipare ad alcuni concorsi letterari. Quando non scrivo mi occupo di formazione.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO