Rifiuti, per chi si riduce la bolletta

Nel 2017 la bolletta sulla tassa dei rifiuti sarà più leggera, ma i beneficiari di tale riduzione non saranno tutti i contribuenti. In particolare sembra che l’imposta diminuirà per le utenze domestiche, mentre potrebbe subire lievi incrementi per quelle non domestiche.

La notizia è stata resa nota nei giorni scorsi dal comune di Lucca, e la causa sarebbe attribuibile alla società che si occupa dello smaltimento all’interno della provincia e del suo piano finanziario. Il piano in questione prevede infatti un aumento nel bilanciamento fra entrate ed uscite in circa 479mila euro, circa il 2,5% in più di aumento rispetto a quello precedente.

Dunque sembra che finalmente le famiglie, almeno nel caso delle utenze residenziali, potranno giovare dei benefici apportati dalla raccolta differenziata. Come ricorda infatti l’assessore all’ambiente Raspini, “Quello che si sta per concludere è il primo anno in cui per tutti e 12 i mesi si è svolto il servizio porta a porta. Tutto questo ci ha permesso di ottenere percentuali di raccolta lusinghiere che ci portano a una percentuale di differenziata par il 77 per cento, rispetto al 70 per cento dell’anno scorso e al 54 per cento dell’inizio del servizio. Per l’anno prossimo, invece, si prevede un aumento all’82 per cento grazie al perfezionamento della raccolta del centro storico e al cambiamento delle abitudini dei cittadini. Per la quale ha contribuito anche il gioco Scarty, che ci ha permesso di entrare in contatto con 30mila famiglie”.

CONDIVIDI
Articolo precedenteBollette elettriche, novità 2017
Articolo successivoSaldi 2017, il via il 5 gennaio
Classe 1987. Laureata in scienze biotecnologiche. Da sempre appassionata di letteratura, soprattutto gotica. Collaboro da molti anni con vari blog, dove mi occupo di cinema, tecnologia, spettacoli ed, ovviamente, economia. La mia passione per la scrittura mi ha portato, negli anni, a scrivere anche qualche romanzo e a partecipare ad alcuni concorsi letterari. Quando non scrivo mi occupo di formazione.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO