Retribuzione, il 22% dei dipendenti prende meno di 9 euro l’ora

La retribuzione dei lavoratori dipendenti sarebbe in molti casi insufficiente a garantire il sostegno personale e familiare. E’ l’allarme lanciato dall’Inps sulla base dei dati raccolti recentemente dall’Istat. Almeno il 22% dei lavoratori dipendenti assunti da aziende private percepirebbe infatti un salario inferiore a 9 euro lorde all’ora. Ovvero il 22% di loro sarebbero ben al di sotto della soglia individuata da uno dei disegni di legge sul salario minimo in discussione al Senato.

Retribuzione, insufficiente per molti dipendenti

Secondo quanto svelato dall’ente di previdenza nazionale, il 9% dei lavoratori è al di sotto degli 8 euro orari lordi, mentre il 40% prende meno di 10 euro lordi l’ora.

E’ soprattutto il lavoro domestico quello maggiormente penalizzato. Quasi tutti percepirebbero meno di 9 euro lorde l’ora.

L’istituto di previdenza chiede nell’eventuale introduzione di una soglia di salario minimo di tenere in considerazione “le oggettive caratteristiche del settore anche allo scopo di evitare il rischio di pericolose involuzioni che possono portare all’espansione del lavoro irregolare”.

Negli ultimi anni infatti il lavoro irregolare in tale settore ha subito una contrazione del 15%. Si deve dunque fare molta attenzione a non fare passi indietro proprio in questo momento.

Secondo l’Inps il salario minimo è giusto, purchè sia introdotto con i giusti controlli. L’Inps sottolinea la necessità di “efficaci forme di controllo del rispetto dei parametri di legge” e di “misure sanzionatorie nei confronti dei trasgressori”.

CONDIVIDI
Articolo precedenteSalario minimo, 1073 euro in più all’anno secondo M5S
Articolo successivoReddito di cittadinanza, come fare domanda
Classe 1987. Laureata in scienze biotecnologiche. Da sempre appassionata di letteratura, soprattutto gotica. Collaboro da molti anni con vari blog, dove mi occupo di cinema, tecnologia, spettacoli ed, ovviamente, economia. La mia passione per la scrittura mi ha portato, negli anni, a scrivere anche qualche romanzo e a partecipare ad alcuni concorsi letterari. Quando non scrivo mi occupo di formazione.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO