Rei, coperte 1 milione di persone

Il Rei, ovvero il Reddito di inclusione, in soli 9 mesi dal suo lancio è arrivato a coprire ben 1 milione di persone. Lo rileva il monitoraggio Inps, che evidenzia che nel periodo gennaio-settembre ben 379 mila famiglie hanno beneficiato dei sussidi. La maggior parte dei beneficiari sono collocati nelle regioni meridionali d’Italia. Si tratterebbe, secondo i dati raccolti, di almeno il 72% dei beneficiari.

Analizzando i dati per regione, sono Campania e Sicilia i luoghi in cui si ricorre maggiormente al Rei. Il tasso di inclusione del Rei, cioè il numero di persone coinvolte ogni 10 mila abitanti, risulta a livello nazionale pari a 184. In alcune regioni del Sud può però arrivare a superare quota 500.

Rei, non serve a Friuli e Trentino

Le regioni in cui si registra il minor tasso di inclusione del Rei sono Friuli Venezia Giulia e Trentino Alto Adige. In entrambi i casi siamo infatti a quota 23.

Secondo i dati raccolti il 10% degli aventi diritto risulta essere extracomunitario. La maggior parte si trovano in regioni settentrionali. I dati parlano anche di una evidente crescita di domande avute nell’ultimo periodo. Dal momento del lancio ad oggi si stima un incremento di circa il 40%.

Tra i nuovi richiedenti, il 43% è rappresentato da nuclei che precedentemente erano stati esclusi perché non in possesso dei requisiti familiari necessari alla concessione del beneficio.

CONDIVIDI
Articolo precedenteExtracomunitari, la forza lavoro del meridione
Articolo successivoVisita fiscale, come richiedere cambio indirizzo
Classe 1987. Laureata in scienze biotecnologiche. Da sempre appassionata di letteratura, soprattutto gotica. Collaboro da molti anni con vari blog, dove mi occupo di cinema, tecnologia, spettacoli ed, ovviamente, economia. La mia passione per la scrittura mi ha portato, negli anni, a scrivere anche qualche romanzo e a partecipare ad alcuni concorsi letterari. Quando non scrivo mi occupo di formazione.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO