Reddito di cittadinanza, ecco la data ufficiale di pagamento

Finalmente si conosce la data ufficiale di pagamento del tanto chiacchierato reddito di cittadinanza. Le erogazioni dovrebbero infatti incominciare a partire dal mese di aprile.

Nonostante alcune perplessità iniziali, sembra infatti che non ci saranno rallentamenti sulla tabella di marcia. L’iter burocratico di acquisizione e smistamento delle domande sembrerebbe perfino essere in anticipo rispetto a quanto pronosticato inizialmente.

Data ufficiale di pagamento, anticipo rispetto alle previsioni

La data ufficiale di pagamento del reddito di cittadinanza sembrerebbe essere perfino antecedente a quella che era stata prevista inizialmente. Secondo le comunicazioni ufficiali l’erogazione potrebbe infatti arrivare già a partire dal 15 aprile. Le somme previste saranno rese disponibili mediante accredito sulla carta reddito di cittadinanza dedicata al beneficio.

L’osservanza di tali tempistiche è chiaramente legata alla velocità da parte di Inps di gestire le richieste. Una volta acquisite le richieste spetta infatti all’ente previdenziale il controllo e la verifica dei requisiti necessari ad accedere al beneficio. Appurato il possesso dei requisiti sarà l’Inps ad avere il compito di trasmettere a Poste il flusso degli ordinativi di accreditamento sulle carte.

L’Inps dunque smentisce ritardi sulle procedure di smistamento delle richieste e sottolinea che al contrario tutto sta procedendo in anticipo rispetto a quanto previsto.

CONDIVIDI
Articolo precedentePace fiscale, come fare domanda
Articolo successivoReddito di cittadinanza, domande sospese in attesa del decreto
Classe 1987. Laureata in scienze biotecnologiche. Da sempre appassionata di letteratura, soprattutto gotica. Collaboro da molti anni con vari blog, dove mi occupo di cinema, tecnologia, spettacoli ed, ovviamente, economia. La mia passione per la scrittura mi ha portato, negli anni, a scrivere anche qualche romanzo e a partecipare ad alcuni concorsi letterari. Quando non scrivo mi occupo di formazione.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO