Reddito di cittadinanza, carcere per i furbi

Chi prova ad imbrogliare per poter percepire le agevolazioni previste dal reddito di cittadinanza rischia fino a 6 anni di carcere.

Secondo la bozza in attesa di approvazione, il sussidio potrebbe essere esteso anche agli stranieri. in particolare, sarebbero circa 200 mila i nuclei familiari composti da stranieri interessati al provvedimento. Requisito è quello di essere in possesso del regolare permesso di soggiorno e di risiedere in Italia da almeno 5 anni.

Davide Tripiedi, vice presidente della Commissione lavoro della Camera per il Movimento Cinque Stelle, ha sottolineato che però non sarà lasciato spazio ai furbetti.

Reddito di cittadinanza, fino a 6 anni di carcere

Tripiedi ha sottolineato che «nemmeno un euro andrà a chi tenta di violare la legge. Per i furbetti ci sarà solo il carcere, fino a 6 anni». La paura che i soliti furbi ne approfittino è tanta. Per questo la bozza prevede una serie di clausole volte a scoraggiare i malintenzionati. E’ importante anche che vengano previste delle misure punitive per prendere provvedimenti nei confronti di coloro che cercano di frodare ai danni dei contribuenti.

Una delle misure è ad esempio volta ad impedire i falsi divorzi. Chi si separa continuando a vivere però nella stessa abitazione del coniuge, sarà considerato a tutti gli effetti ancora nello stesso nucleo familiare.

CONDIVIDI
Articolo precedenteGoogle, la laurea non serve
Articolo successivoSconto bus, novità 730
Classe 1987. Laureata in scienze biotecnologiche. Da sempre appassionata di letteratura, soprattutto gotica. Collaboro da molti anni con vari blog, dove mi occupo di cinema, tecnologia, spettacoli ed, ovviamente, economia. La mia passione per la scrittura mi ha portato, negli anni, a scrivere anche qualche romanzo e a partecipare ad alcuni concorsi letterari. Quando non scrivo mi occupo di formazione.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO