Reddito di cittadianza flop, in Finlandia non ha spinto il lavoro

Reddito di cittadinanza flop. I dati raccolti in Filnandia, dove la misura di contrasto alla disoccupazione è già una realtà conclamata, non fanno ben sperare sulle possibilità di successo in Italia. Sembra infatti che l’analisi dei primi risultati raccolti abbia evidenziato un nulla di fatto nell’incremento degli occupati. La misura non ha affatto incentivato i percettori ad attivarsi per cercare un’occupazione.

Reddito di cittadinanza flop, ma in Finlandia

Negli ultimi due anni duemila disoccupati finladesi di lungo corso hanno ricevuto un sussidio mensile di 560 euro, senza alcuna condizione. Alla luce dei risultati raggiunti dopo il primo anno, non si può certamente parlare di successo.

Non è stato infatti evidenziato alcun segno evidente sull’occupazione. I ricercatori hanno però sottolineato che per il momento si tratta solo dei primi dati preliminari. Non è ancora possibile trarre conclusioni definitive e i risultati potrebbero ancora ribaltarsi.

Inoltre va evidenziato che la misura è sostanzialmente differente da quella pensata per l’Italia. In Finlandia infatti si tratta di una sorta di stipendio non condizionato all’accettazione di offerte di lavoro, per esempio, e slegato dalle condizioni economiche personali.

Il progetto finlandese è durato solamente due anni: iniziato il primo gennaio 2017, si è concluso il 31 dicembre del 2018. Motivo per cui è stato ampiamente criticato, dal momento che in un periodo tanto breve è difficile giungere a risultati concreti.

CONDIVIDI
Articolo precedenteIstat, crollo della produzione industriale
Articolo successivoRyanair, per San Valentino voucher da 25 euro
Classe 1987. Laureata in scienze biotecnologiche. Da sempre appassionata di letteratura, soprattutto gotica. Collaboro da molti anni con vari blog, dove mi occupo di cinema, tecnologia, spettacoli ed, ovviamente, economia. La mia passione per la scrittura mi ha portato, negli anni, a scrivere anche qualche romanzo e a partecipare ad alcuni concorsi letterari. Quando non scrivo mi occupo di formazione.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO