Quando posso andare in pensione?

Quando posso andare in pensione? Come si calcola l’età per andare in pensione?
Nei giorni scorsi, prima che il governo si riunisse per decretare il destino di esodati e precoci tramite il decretoMilleproroghe, i Sindacati avevano fatto pressioni affinchè l’entrata in vigore delle nuove modalità pensionistiche fosse rinviata fino al 2013 e fossero mantenute le vecchie disposizioni per i lavoratori in cassa integrazione, in mobilità o per gli esodati, cioè dimessi volontariamente con la prospettiva di andare in pensione a breve termine.

Per poter accedere alla pensione, tale categoria di lavoratori deve però dimostrare la data di cessazione del rapporto di lavoro con elementi “certi ed oggettivi” ed al termine del contratto di lavoro doveva già essere in possesso dei requisiti che, con la precedente modalità pensionistica, avrebbero permesso il suo pensionamento entro 24 mesi.

Altra correzione apportata alla Milleproroghe riguarda i precoci, per i quali non sarà più prevista alcuna penalizzazione, a patto che abbiano 42 anni contribuitivi (o 41 per le donne), ma meno di 62 anni di età.

Mentre i precoci sono una fetta molto ristretta di lavoratori, resta ancora da determinare a quanto ammontano gli “esodati” e quindi quale sarà la spesa complessiva per il nostro Paese. L’onorevole Silvano Moffa ha però fatto notare che se anche l’impegno di spesa fosse pari a 100 milioni di euro questi soldi potrebbero essere presi dai risparmi ottenuti con la manovra a partire dal 2013.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO