Progetto Africa, accordo economia sostenibile

E’ stato battezzato come Progetto Africa, si tratta del nuovo piano di cooperazione internazionale che mira a realizzare l’ ambizioso obiettivo di economia sostenibile.

Il presidente di Coldiretti, Ettore Prandini, ha spiegato che alla base del progetto vi è lo scopo di creare una cooperazione su basi egualitarie, di esportare un modello di sviluppo sostenibile, che parta dalla valorizzazione delle realtà locali, dell’impresa familiare e che possa difendere i piccoli produttori africani dal landgrabbing. E’ proprio tale fenomeno infatto, ovvero l’accaparramento di terra da parte dei giganti alimentari, la principale causa della fuga dalle campagne e dell’emigrazione verso i paesi più ricchi.

Progetto Africa, come fermare in landgrabbing

Il progetto Africa è stato siglato anche da Conte, che ha sottolineato l’importanza di bloccare le imposizioni di sfruttamento colonialistico.

A tal proposito Conte ha sottolineato che “In questo senso l’Italia si farà leader di una nuova formula di cooperazione che verrà presentata in Europa e che dovrà essere adottata anche dagli altri paesi europei, per favorire non solo delle relazioni paritarie con il continente africano, ma per promuovere un nuovo modello di sviluppo sostenibile, più equo e più “verde””.

All’ambizioso progetto parteciperanno anche importanti leader del settore energetico, come suggerisce l’accordo dello scorso luglio siglato con Eni.

CONDIVIDI
Articolo precedenteDecreto clima, via libera del Consiglio dei ministri
Articolo successivoMutui a tasso negativo, un sogno presto realtà
Classe 1987. Laureata in scienze biotecnologiche. Da sempre appassionata di letteratura, soprattutto gotica. Collaboro da molti anni con vari blog, dove mi occupo di cinema, tecnologia, spettacoli ed, ovviamente, economia. La mia passione per la scrittura mi ha portato, negli anni, a scrivere anche qualche romanzo e a partecipare ad alcuni concorsi letterari. Quando non scrivo mi occupo di formazione.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO