Piano Juncker, arriva l’approvazione da Ue

254645fdde9884a9c28107840a2a4408Arriva l’approvazione da parte della commissione europea al piano Juncker e per Renzi questa rappresenta il primo passo verso una maggiore flessibilità legata al piano investimenti. Di diversa opinione la Germania, ancora una volta scontenta delle decisioni prese dall’ Ue, che torna a ribadire che non si deve cambiare tornando ad osannare il Piano di stabilità.

Il piano Juncker crea un nuovo fondo per gli investimenti strategici (Efsi) con lo scopo di mobilitare 315 miliardi di euro nel 2015-2017.

Per il momento però i Paesi membri sembrano alquanto titubanti e nessuno è stato pronto ad impegnarsi per investire dei fondi in questo ambizioso progetto. Tutti sono concordi nel voler attendere di scoprire prima quali saranno i piani che saranno finanziati grazie al Piano Juncker.

Attenzione però perchè la flessibilità, che molti volevano eliminare dal piano, si applica solo se, a causa del contributo al piano, un Paese si ritrovasse in violazione del Patto.

In poche parole se un Paese già lo viola per altri motivi, questo non impedirebbe alla Commissione di aprire una procedura, come le regole prevedono. I contributi nazionali al fondo previsto dal piano Juncker “devono avvenire nell’ambito delle regole del Patto di stabilità, con la flessibilità prevista”, sottolinea Angela Merkel nella conferenza stampa alla conclusione del vertice europeo.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO