Pensioni 2019, possibili assegni più alti

Le pensioni 2019 potrebbero essere più ricche di quelle percepite nel corso di questo anno. Grazie alla rivalutazione per gli adeguamenti all’inflazione gli assegni percepiti potrebbero infatti subire degli aumenti. Ancora però si hanno diversi dubbi in merito al metodo di calcolo che verrà applicato.

Il decreto del Ministero dell’economia dello scorso 16 novembre ha infatti concesso l’adeguamento delle pensioni sulla base dell’attuale costo della vita. Nessuna informazione ulteriore è però stata fornita in merito ai meccanismi di calcolo.

Pensioni 2019, +1.1% secondo le previsioni

Le pensioni 2019 saranno più ricche, ma ancora non è stata definita con certezza la percentuale di incremento che sarà applicata. Secondo le previsioni, basandosi sui dati forniti dall’Istat in merito al costo della vita, si parla di aumenti dell’1,1%.

Va sottolineato però che l’Istat ancora non ha fornito i dati relativi agli ultimi mesi dell’anno, che potrebbero avere un’influenza notevole. Molto dipenderà inoltre, come dicevamo, dal metodo di calcolo applicato che dovrebbe cambiare secondo quanto previsto dalla legge di bilancio.

Per quest’anno la rivalutazione è piena per coloro che percepiscono assegni mensili fino a 3 volte la minima, per poi ridursi gradualmente man mano che si sale con gli importi.

C’è anche la possibilità che si decida per una proroga e che tale metodo di calcolo venga conservato anche per il 2019.

CONDIVIDI
Articolo precedenteTassa di successione, in cosa consiste
Articolo successivoBuoni fruttiferi, occhio al rimborso
Classe 1987. Laureata in scienze biotecnologiche. Da sempre appassionata di letteratura, soprattutto gotica. Collaboro da molti anni con vari blog, dove mi occupo di cinema, tecnologia, spettacoli ed, ovviamente, economia. La mia passione per la scrittura mi ha portato, negli anni, a scrivere anche qualche romanzo e a partecipare ad alcuni concorsi letterari. Quando non scrivo mi occupo di formazione.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO